Arrestati due mariti violenti

Sono due, ed eseguite a poche ore di distanza l’una dall’altra, le misure cautelari emesse dal Gip presso il Tribunale di Patti, Ugo Molina su richiesta del sostituto procuratore, Federica Urban. In entrambi i casi donne vittime di violenza da parte di ex compagni o mariti violenti sono le protagoniste principali.

La prima storia di vessazioni e violenza matura nell’ambito familiare e vede lei e due figli costretti a subire angherie fisiche e psicologiche per anni; una condizione di asservimento e soggezione da cui i figli crescendo si affrancano convincendo la madre a chiedere aiuto alla forze di polizia. Una violenza crescente che sfocia in minacce concrete e aggressioni che spingono la donna a denunciare.

Nel secondo caso la vittima decide di interrompere la relazione con un uomo che mostra un’ossessiva e crescente gelosia nei suoi confronti. L’uomo però non accetta la scelta della donna e comincia a perseguitarla con chiamate e messaggi al telefonino e appostamenti sotto casa.

La situazione peggiora quando si verificano vere e proprie scenate sul posto di lavoro e precipita lo scorso giugno con l’aggressione della ex in strada: la insulta, la strattona, prova a sottrarle il cellulare contenente minacce di morte e nel farlo la spinge a terra causandole traumi ed escoriazioni su ginocchio e piede. Poi fugge via. La donna viene raggiunta da quanti occorsi alle sue grida tra cui un agente libero dal servizio che allerta i soccorsi.

Nei confronti di entrambi l’Autorità giudiziaria ha emesso il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle vittime nonché quello di comunicazione con le stesse.

Condividi




Change privacy settings