Percuote la moglie e uccide un gatto, 44enne finisce in carcere

I carabinieri di Fiumedinisi hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia un 44enne del luogo, in esecuzione di ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Messina, su conforme richiesta dell’Ufficio di Procura che ha coordinato le indagini.

Il provvedimento restrittivo scaturisce da un’attività che ha consentito di raccogliere, a seguito della querela presentata da una 46enne, gravi elementi circa la sussistenza di una serie reiterata di condotte vessatorie, violente e minacciose poste in essere nei suoi confronti dal marito, concretizzatesi in continui insulti, maltrattamenti e minacce di morte perpetrate anche mediante l’uso di un coltello.

Nel corso dell’ultimo litigio l’uomo è arrivato addirittura a percuotere con un bastone la moglie e ad uccidere di fronte ai suoi occhi un gatto domestico. La sempre più pressante ed immotivata violenza unita alle sofferenze morali patite, hanno aperto gli occhi alla donna e l’hanno finalmente convinta a denunciare tutto ai carabinieri.

Gli uomini dell’Arma, coordinati dall’Ufficio di Procura, hanno ricostruito il clima di terrore in cui la vittima è stata costretta a vivere ed ora sul 44enne grava la pesante accusa di maltrattamenti in famiglia per la quale è stato emesso il provvedimento cautelare. Va evidenziato che tale risultato è stato reso possibile dalla fiducia riposta dalla vittima nei confronti dell’AutoritĂ  Giudiziaria e delle forze dell’ordine, che ha consentito un rapido intervento a sua tutela, scongiurando il rischio di conseguenze ancor piĂą gravi in danno della sua integritĂ  fisica e morale.

Condividi




Change privacy settings