L’Unuci di Catania visita la base aerea di Sigonella

È stata un’occasione non soltanto per aggiornarsi professionalmente, ma anche per rafforzare il legame verso le istituzioni militari l’incontro che si è tenuto nella giornata di ieri presso il 41° Stormo e l’aeroporto dell’Aeronautica Militare di Sigonella, al quale hanno preso parte i soci della sezione catanese dell’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia (Unuci), l’associazione che riunisce gli ufficiali in congedo provenienti dal servizio permanente e di complemento che hanno fatto parte fondamentalmente delle Forze Armate.

Provenienti da tutta la Sicilia, i membri dell’Unuci, in compagnia anche delle loro signore e figli, sono stati accolti dal Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Pilota Gianluca Chiriatti. A seguire, un briefing di presentazione della complessa realtà dell’Aeroporto di Sigonella e la visita conoscitiva ad alcune infrastrutture della Base, compreso il velivolo P-72A del 41° Stormo in mostra statica che ha suscitato molto interesse. Al termine della giornata, dopo lo scambio dei crest a ricordo della visita, sono arrivati i ringraziamenti da parte del Presidente dell’Unuci Catania, Fulvio Torrisi, per l’accoglienza ricevuta a Sigonella.

Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Forze di Supporto e Speciali dell’Aeronautica Militare di Roma, ha il compito di fornire il supporto logistico-amministrativo ed i servizi tecnico-operativi agli Enti e Reparti rischierati ed in transito sull’omonimo Aeroporto, assicurando senza soluzione di continuità i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo, che includono tra gli altri l’assistenza tecnica a terra, il rifornimento di carburante, il servizio meteorologico, il servizio antincendio, l’assistenza sanitaria, la disponibilità di infrastrutture ricreative ed alloggiative. Al momento, sono presenti assetti di Lussemburgo, Spagna e Polonia nell’ambito dell’operazione Eunavformed Sophia e della Protezione civile per la campagna antincendi boschivi 2019. Inoltre, in virtù di specifici trattati internazionali (Host Nation Support), l’Aeroporto ospita dal 1959 la Naval Air Station (NAS) della Marina USA e dal 2015 la NATO AGS Force (NAGSF).

Condividi