Scuola "Saccà" a rischio chiusura, Ora Messina denuncia condizioni fatiscenti

redme

Scuola "Saccà" a rischio chiusura, Ora Messina denuncia condizioni fatiscenti

redme |
sabato 11 Maggio 2019 - 09:41
Scuola "Saccà" a rischio chiusura, Ora Messina denuncia condizioni fatiscenti

Una battaglia che non vuole rimanere inascoltata. Giandomemico La Fauci la sostiene per evitare la chiusura della scuola materna “Francesco Saccà” di San Michele. “Un piccolo angolo utile alla comunità, una struttura sorta solo nel 2001 – spiega il consigliere di Ora Messina – ma che oggi deve convivere con una moltitudine di difficoltà figlie del disinteresse amministrativo.
In questi diciotto anni non è mai stato approntato nessun intervento di manutenzione, lasciando così decadere lo stabile e facendo allontanare pian piano tanti iscritti. La scuola rischia la chiusura per mancanza di iscrizioni minime, una situazione complicata soprattutto dalle condizioni precarie della struttura.
La preside Giuseppa Casola non può, da sola, trovare le risorse per la salvaguardia e la manutenzione; in più – racconta ancora La Fauci – la scuola è stata vittima di alcuni furti perdendo la disponibilità di otto computer sui dieci presenti e un proiettore che non sono mai stati riconsegnati.
Le condizioni esterne del plesso – come si può vedere nelle foto allegate – presentano un degrado non accettabile e che allontana sempre più i bambini del quartiere. Questa comunità, però, non può permettersi di perdere una struttura così centrale dato che le alternative distano alcuni chilometri diventano inaccessibili per le famiglie non in grado di garantire un trasporto costante.
Ho presenziato personalmente a un incontro tra i dirigenti scolastici ed i genitori dei piccoli alunni con l’assessore Trimarchi, con me anche la consigliera della V Circoscrizione Lorena Fulco; dal confronto è venuta fuori la piena e totale disponibilità dell’amministrazione per la risoluzione dei primi problemi: verranno rimosse le erbacce presenti all’esterno e si farà il possibile per arginare le molte infiltrazioni d’acqua, una delle quali ha reso inagibile una delle aule, verranno rimossi i tanti vetri rotti e ripristinato uno dei bagni fuori servizio. Non possiamo – sottolinea La Fauci – ringraziare sentitamente la disponibilità mostrata dall’assessore Trimarchi. Nessuna ristrutturazione in diciotto anni è qualcosa di inaccettabile, si è trasformato un plesso nuovo in qualcosa di abbandonato e vecchio.
Finalmente, va dato atto a questa giunta, si muovono le istituzioni per una struttura che può – spiega ancora La Fauci – ospitare tanti bambini del popoloso rione. Le scuole perdono ogni anno iscritti per l’aumentare del calo demografico, se allo stesso tempo non si pongono le basi per strutture in sicurezza allora è chiaro come queste siano destinate alla chiusura. Allo stesso tempo invito la comunità di San Michele a non abbandonare la scuola: solo col lavoro di tutti si potrà salvare, personalmente farò quanto possibile per ottenere pari diritti dal punto di vista amministrativo rispetto ad altre strutture cittadine; senza l’appoggio e la presenza delle famiglie sarà però tutto inutile.