Memorial day, i poliziotti scendono in campo per non dimenticare lo stragismo mafioso

redstage

Memorial day, i poliziotti scendono in campo per non dimenticare lo stragismo mafioso

sabato 11 Maggio 2019 - 19:04
Memorial day, i poliziotti scendono in campo per non dimenticare lo stragismo mafioso

Si è svolto nella giornata di ieri il Memorial Day, il torneo calcistico organizzato annualmente a partire dal 1993 dalla segreteria provinciale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap) di Messina per ricordare tutte le vittime dello stragismo mafioso di 26 anni fa. Infatti, il 1993 è stato un anno nero per l’Italia, in quanto è stato segnato da numerosi attentati mafiosi (alcuni dei quali fortunatamente falliti) ai danni di giudici, esponenti delle forze dell’ordine, politici e giornalisti, i più noti dei quali sono quelli che hanno visto la morte dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e delle relative scorte.

La manifestazione, che si è tenuta presso i campi della SSD Fair Play “Cristo Re” e a cui a ha partecipato anche il questore Vito Calvino per assistere alla premiazione finale, ha riscosso notevole apprezzamento tra i colleghi poliziotti. Quest’anno hanno aderito all’iniziativa anche gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Cannizzaro Galatti” di Messina a conclusione di un percorso didattico sulla legalità.

Molti i momenti importanti della manifestazione. Innanzitutto, prima del torneo calcistico si è reso omaggio con un minuto di silenzio e una breve cerimonia religiosa tenuta dal cappellano militare, a tutte le vittime della criminalità, del terrorismo e della mafia ed ai colleghi che in quest’anno hanno perso la vita durante lo svolgimento del servizio. A seguire gli studenti dell’Istituto Cannizzaro Galatti coordinati dalle loro docenti hanno cantato l’inno nazionale coinvolgendo emotivamente tutti i presenti e hanno presentato alcuni elaborati preparati nel corso dell’anno scolastico.

Il torneo di calcio, cui hanno partecipato 4 squadre composte da poliziotti della provincia di Messina (quest’anno i nomi delle squadre erano legati ai valori fondamentali per il Sap: Legalità, Giustizia, Solidarietà e Sicurezza), si è svolto come da tradizione in un clima di amicizia e sportività, e ha visto la vittoria della squadra Legalità in finale contro la squadra Giustizia, mentre al terzo e al quarto posto si sono classificate rispettivamente la squadra Solidarietà e la squadra Sicurezza. Durante la manifestazione calcistica i piccoli alunni sono stati intrattenuti dal collega Antonello La Fauci, istruttore di tecniche di autodifesa con esercizi di coordinamento e altre attività pratiche basilari antibullismo.