Atm risponde a Gioveni: “L’ultima mensilitĂ  è in pagamento. Il Consiglio trasferisca nuovi fondi”

Si rende noto, anche al fine di evitare speculazioni politiche o di altra natura, che sono giĂ  stati inviati alla Banca Tesoriere di Atm i mandati relativi allo stipendio dello scorso marzo. Il ritardo è conseguenza delle ormai difficoltĂ  finanziarie in cui versa l’azienda e all’impossibilitĂ  di aggravare ulteriormente il proprio indebitamento“. A renderlo noto è il top management dell’azienda di trasporto pubblico messinese, il direttore generale Natale Trischitta e il presidente Giuseppe Campagna, rispondendo dunque a tutti coloro i quali avevano lamentato nei giorni scorsi i notevoli ritardi da parte di Atm nel pagare gli stipendi ai propri dipendenti.

In particolare, l’ultima delle critiche era arrivata proprio ieri da parte del consigliere comunale in quota Pd Libero Gioveni, nei confronti del quale l’Atm adesso ha lanciato il seguente affondo: “A tal proposito, si coglie l’occasione per chiarire al consigliere Gioveni (e a quanti altri fossero interessati all’argomento) che maggiori somme previste in Bilancio del Comune di Messina per il servizio di trasporto pubblico locale potranno essere trasferite ad Atm solo a seguito dell’approvazione da parte del Consiglio Comunale di un nuovo Contratto di Servizio o di un aggiornamento di quello vigente“.

Condividi




Change privacy settings