Enti locali, Unime promuove seminario su riequilibrio finanziario pluriennale

Sostenere lo sviluppo e la competitività dell’economia locale con riferimento alle imprese che agiscono nei settori della “qualità della vita e salute dei cittadini” e della “salvaguardia dell’ambiente”. È questo l’obiettivo del progetto Interreg “I know”, nell’ambito del quale si svolgerà venerdì prossimo al Dipartimento di Economia dell’Università di Messina un seminario di approfondimento e discussione delle problematiche del riequilibrio finanziario pluriennale degli enti locali.

In molte realtà locali le utilities sono erogate per il tramite di aziende e società partecipate dall’Ente Pubblico. Le condizioni di squilibrio finanziario dell’Ente Locale e la necessità di attivare procedure pluriennali di riequilibrio impattano sulla gestione di questi servizi, mentre per altro verso le difficoltà gestionali delle aziende retroagiscono sugli equilibri di bilancio degli enti locali.

Si ha dunque una mutua relazione tra percorsi di riequilibrio finanziario pluriennale e condizione di gestione d’impresa per i servizi per qualità della vita, sanità e ambiente per i cittadini. Nell’ottica e col metodo dello scambio delle “buone pratiche”, obiettivo della riunione è promuovere un confronto tra Governo ed enti locali, tecnici ed esperti sull’argomento del riequilibrio finanziario e dell’efficiente gestione delle imprese nei citati settori.

La riunione di Messina si articolerà in due momenti: durante il primo, in forma di discussione “brain storming”, si evidenzieranno le problematiche e si discuteranno proposte di soluzioni “esperte” (ossia, basate sull’esperienza); nel secondo le proposte emerse verranno discusse con la Viceministro all’Economia Castelli e con IFEL.

Condividi