Chiusura tratta ferroviaria Patti-Sant’Agata Militello, Calderone: “Ammodernamento necessario ma senza compromettere la stagione turistica”

“Investimenti per riqualificare il territorio e offrire servizi di pubblica utilitĂ  sono indispensabili per competere con Regioni piĂą sviluppate. Tuttavia, i cantieri andrebbero aperti dopo le vacanze estive, così da non ledere economicamente un territorio dalla spiccata vocazione turistica”. Così l’esponente di Forza Italia all’Ars, Tommaso Calderone, con riferimento all’ipotesi di chiusura temporanea della tratta ferroviaria tra Patti e Sant’Agata di Militello per realizzare lavori di ammodernamento. Si tratta di un progetto necessario per garantire lo sviluppo del territorio, che comprende 98 km per creare nuovi binari e incroci ferroviari, adeguamento delle gallerie e rinnovo delle stazioni. Le perplessitĂ  riguardano però il periodo di riferimento che interesserebbe proprio la stagione estiva, stagione nella quale si registra un maggior flusso di turisti, che si recano in tali zone anche attraverso l’utilizzo dei mezzi ferroviari.

“Penso a zone come Patti, Tindari, Villa Romana, Gioiosa Marea, Brolo, Capo d’Orlando, Torrenova e Sant’Agata di Militello – continua il deputato – che con la tratta ferroviaria interrotta, dovrebbero offrire servizi sostitutivi, con l’auspicio che il disagio termini in tempi celeri”.

“Chiedo al Governo Regionale e all’Assessore al ramo – conclude Calderone – qualora la notizia dei lavori nel periodo di alta stagione fosse confermata, di valutare uno spostamento ai mesi autunnali o invernali, per non compromettere un periodo atteso dall’economia locale, a cominciare dalle strutture ricettive, balneari e della ristorazione”.

Condividi