Nefrologia Unime, domenica a Piazza Cairoli per la giornata del rene

“Da parecchi anni i pazienti del territorio messinese non devono piĂą effettuare viaggi della speranza per ottenere una diagnosi di malattia renale nĂ© per farsela curare”. Così Domenico Santoro, professore associato di Nefrologia nonchĂ© dirigente medico dell’UOC Nefrologia e Dialisi presso il Policlinico universitario, spiegando in occasione dell’imminente giornata del rene quanto sia all’avanguardia l’unitĂ  operativa complessa da lui gestita: “Grazie ad un programma ormai avviato e riconosciuto di biopsia renale, – prosegue Santoro – il reparto di Nefrologia dell’Adulto e del Bambino è divenuto il Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Renali Rare”.

Al fine di diffondere una cultura sull’importanza della salute dei reni, la Scuola di Nefrologia dell’Università di Messina domenica 17 marzo sarà dunque a Piazza Cairoli dalle ore 9 alle 17 con un gruppo di medici coordinati dal professor Santoro per offrire ai cittadini informazioni gratuite e controlli sulla funzione dei propri reni. Il tema del 2019 è “Salute per i Reni per ciascuno ed ovunque (Kidney Health for Everyone Everywhere)”, con l’obiettivo di evidenziare il crescente carico di malattie renali e disparità di salute dei reni e disuguaglianza in tutto il mondo. Si stima infatti che 850 milioni di persone in tutto il mondo abbiano malattie ai reni per varie cause. La malattia renale cronica causa almeno 2,4 milioni di decessi all’anno ed è ora la sesta causa di morte in più rapida crescita, e si stima che diventi probabilmente la quinta causa principale di anni di vita persi entro il 2040. L’insufficienza renale acuta (IRA), un importante causa di malattia renale cronica, colpisce oltre 13 milioni di persone in tutto il mondo e l’85% di questi casi si riscontra nei paesi a basso e medio reddito.

Un settore che risulta molto carente nel nostro territorio – spiega Santoro – è quello dei trapianti di reni. Il trapianto renale costituisce la migliore arma che abbiamo quando la funzione renale tende a spegnersi e costituisce sicuramente la piĂą valida alternativa alla dialisi. E mentre siamo in grado di affrontare ogni sfida nel nostro territorio per cercare di salvare la salute dei reni quando arriva il momento della terapia sostitutiva, per ottenere un trapianto siamo costretti nuovamente a viaggi della speranza. E questo non perchĂ© ci sia un’incapacitĂ  della classe medica del meridione ma perchĂ© c’è una scarsa attenzione su chi governa i trapianti a livello nazionale e della politica nei riguardi del nostro territorio. Non è giusto che una persona solo perchĂ© nasce a Messina, ma oserei dire in tutta l’area dello stretto, abbia meno garanzie e meno opportunitĂ  di salute (che dovrebbe da costituzione essere garantita a tutti ed in egual modo).

L’attivitĂ  dei trapianti è fortemente disomogenea sul territorio nazionale. Esiste una forte differenza territoriale nella attivitĂ  di donazione che genera profondi divari regionali. Tale sostanziale differenza non è sorprendente per la forte differenza di distribuzione di servizi di trapianto d’organo sul territorio nazionale. Il 50% dei centri trapianto risiedono nel Nord Italia o fanno parte della associazione Nord-Italia Transplant 19 su 37. Il maggiore numero dei centri è osservato in Lombardia e Veneto, rispettivamente con 7 e 4 centri. Tale distribuzione disomogenea produce un numero di Trapianti di Rene fortemente sbilanciato: Nord il 62.9% (n. 1133) •Centro il 21.1% (n. 381)•Sud il 16% (n. 288).L’attivitĂ  anche nel Trapianto di Rene da Donatore Vivente è maggiormente disomogenea sul territorio nazionale rispetto al trapianto di rene da donatore deceduto. Nel Nord Italia si esegue il 73.1% (n.199) •Al Centro il 16% (n.43 ) •Al Sud l’11% (n. 30 )“.

Condividi