Morte Alessandra, il fratello: “Venga data una pena giusta e sicura”

Sara’ conferito lunedì prossimo l’incarico al medico legale per eseguire l’autopsia sul corpo di Alessandra Musarra, la 29enne uccisa nella sua abitazione di Santa Lucia sopra Contesse, a Messina, delitto per il quale è in stato di fermo Cristian Ioppolo, 26 anni, il fidanzato.

L’esame autoptico, disposto dal sostituto procuratore Marco Accolla che coordina le indagini, dovrĂ  chiarire diversi punti della vicenda ed aiutare a stabilire l’orario del decesso ma anche le modalita’ esatte con cui la donna e’ stata uccisa.

Al momento del ritrovamento del cadavere, la sfortunata ragazza era riversa sul pavimento, ai piedi del letto, e presentava delle tumefazioni al viso.

Nei prossimi giorni sara’ fissata anche l’udienza di convalida del fermo disposto dal pubblico ministero disposto nei confronti di Ioppolo al termine di un lunghissimo interrogatorio negli uffici della Squadra mobile. Intanto la famiglia di Alessandra invoca giustizia: “Venga data una pena giusta e sicura”, ha affermato il fratello della vittima.

Condividi