Ultima chiamata per lo spettacolo D’Artagnan e i 3 moschettieri

Continua la costruzione  di “D’Artagnan e i Tre Moschettieri”, spettacolo di produzione del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto in scena al Teatro Mandanici  il 18 maggio alle ore 21.00.  A tal riguardo mercoledì avrà luogo l’ultima audizione Sarà per entrare a far parte del laboratorio multidisciplinare.

In tanti, in  questi giorni, hanno chiesto la possibilità di nuove audizioni dopo quelle che hanno avviato il percorso formativo e Sasà Neri, regista dello spettacolo e direttore del laboratorio, ha deciso di tenere aperta questa opzione, ma solo per una giornata: i nuovi candidati dovranno quindi presentarsi in Teatro mercoledì 27 alle ore 15.00

 

I partecipanti non devono obbligatoriamente avere esperienza di palcoscenico, e non possono avere un’età inferiore ai 14 anni (non ci sono limiti di età massima). Il laboratorio è offerto gratuitamente dal Comune ai talenti del territorio. E Neri ha posto un’unica condizione, ma inderogabile: quella della partecipazione assidua agli incontri di preparazione (ovviamente consentendo eccezioni in casi particolari di imprevisti).

 

E se a marzo avrà inizio l’allestimento vero e proprio, già nei primi appuntamenti che si sono realizzati gli allievi hanno potuto apprendere i fondamenti di recitazione, canto corale, danza, dizione e fonetica, e perfino scherma, con la maestra Antonella Cutugno. Tutta la squadra dei coach tornerà di volta in volta ad approfondire e preparare il cast per “D’Artagnan”.

Al  fianco di Sasà  Neri  ci sono i maestri Giulio Decembrini alla direzione musicale, Chiara Caravella alle tecniche vocali di base, Alice Ingegneri all’assistenza di regia, Davide Colngahi alla dizione e fonetica, Alice Rella alle coreografie, Antonella Cutugno alla scherma. Dietro le quinte lavorano inoltre le costumiste Mimma Matina e Titti Galasso con Giulia Alesci agli oggetti di scena, gli scenografi e grafici La Spada, l’ingegnere del suono Simone Lo Presti, il videomaker Dino Costa (Diz)..

Queste le premesse  di uno spettacolo  ancora in divenire, ma che già si preannuncia di grande intensità.

Condividi