Illuminazione pubblica, Buda: “Il centro cittadino è al buio”

Messina è al buio, e non solo i quartieri posti in periferia che, come tristemente noto, sono spesso abbandonati a sĂ©. Stiamo infatti parlando del centro cittadino, punto di ritrovo per migliaia di messinesi e luogo di destinazione per centinaia di turisti che inspiegabilmente si ritrova senza alcun impianto di illuminazione degno di questo nome. Non una, ma decine di lampade led spente lungo le vie parallele e perpendicolari al viale San Martino: settantuno, per essere precisi. Quanto meno è questo il frutto di un’indagine condotta dalla consigliera della IV Circoscrizione e fondatrice del movimento “Vento dello Stretto” Debora Buda, durante la quale ha rilevato le tante, troppe lampade a led non funzionanti nei punti nevralgici del centro cittadino. Riportiamo qui di seguito la lettera di denuncia della consigliera circoscrizionale:

Ci siamo occupati di censire una piccola porzione di centro cittadino, – spiega Buda – in particolare le strade parallele e perpendicolari comprese fra le arterie principali via C. Battisti, via La Farina, via T. Cannizzaro, via S. Cecilia (queste ultime escluse dal nostro screening). Il risultato è sconcertante: 71 (settantuno!) lampade spente, di cui 39 “a monte” e 32 “a valle” del viale S. Martino. Gran parte di queste lampade si trovano in corrispondenza di incroci, altre risultano accese ma coperte da alberi e dunque sostanzialmente inutili. In alcuni tratti soltanto le luci dei negozi e di alcuni condomìni garantiscono una minima illuminazione“.

Nella giornata di ieri si è svolto presso il Consiglio della IV Circoscrizione “Centro Storico” un consiglio straordinario sul tema “Pubblica illuminazione” al quale ho segnalato l’elevato numero di lampade a led spente, auspicando che la problematica venga presto superata per garantire nuovamente sicurezza e decoro al nostro centro cittadino. E’ evidente, sul punto, che l’attivitĂ  dell’Ufficio Tecnico Comunale dovrĂ  essere adeguatamente supportata dall’indirizzo politico dell’Assessore che si auspica non mancherĂ  per la problematica segnalata“.

Di seguito il dettaglio del numero di lampade spente per ogni via esaminata rilevate da Buda:

  • vie parallele al viale S. Martino: via Centonze (8); via Ghibellina (6); via Risorgimento (5), via Dei Mille (3); via Giordano Bruno (2); via Ugo Bassi (5); via Antonio Natoli (9);
  • vie perpendicolari al viale S. Martino: via Nicola Fabrizi (5); via XXVII luglio (8); via Ettore Lombardo Pellegrino (5); via Maddalena (4); via Camiciotti (2); via Luciano Manara (4); via Nino Bixio (5).

Condividi