Funerali di Stato per l’Angelo dell’A18

Funerali di Stato a Santa Teresa di Riva, per Angelo Spadaro, il poliziotto che all’alba di martedì ha perso la vita, insieme ad altre due persone, mentre prestava servizio sull’A18 tra Scaletta ed Itala. L’intero paese della zona jonica si è stretto attorno ai familiari dell’agente.

L’ultima notte di vita è la sintesi della bontà di Angelo, più volte citata ad esempio nell’omelia dall’arcivescovo di Messina, mons. Giovanni Accolla, che ha presieduto i funerali al Santuario della Madonna del Carmelo. Hanno concelebrato il vescovo ausiliare, mons. Cesare Di Pietro, il parroco, don Ettore Sentimentale, il cappellano della polizia Salvatore Interdonato e tanti altri sacerdoti del comprensorio. In prima fila, accanto alla bara, avvolta nel tricolore, i genitori, il fratello, la sorella, i nipoti e la compagna di Angelo.

Nell’altra navata il capo della polizia, Franco Gabrielli, il prefetto di Messina Carmela Maria Librizzi, l’assessore regionale Bernadette Grasso, il sindaco di S. Teresa e deputato regionale Danilo Lo Giudice ed il sindaco di Messina, Cateno De Luca.

Condividi