Amianto abbandonato lungo le strade: Gioveni scrive all’Asp

Basta fare un giro in cittĂ  e soprattutto in alcune zone delle periferie per constatare che in parecchie strade e marciapiedi, specie in prossimitĂ  di cassonetti, vi sono numerosissime lastre di eternit e vecchi serbatoi in amianto, molti dei quali frantumati, con conseguente pericolo per la salute della cittadinanza“. Ad affermarlo è un preoccupato Libero Gioveni, esponente del Pd in consiglio comunale che in tal senso ha deciso di indirizzare un esposto all’Asp affinchĂ© possa essere risolta al piĂą presto il problema relativo alla rimozione del materiale eternit abbandonato lungo le strade, considerato che al riguardo MessinaServizi non può intervenire: è infatti recente la sconcertante replica di MessinaServizi al consigliere comunale secondo la quale non sarebbe possibile procedere con la rimozione di lastre di eternit e vecchi serbatoi in amianto per via del mancato rinnovo della relativa convenzione. Una situazione questa che sembrerebbe perdurare da circa otto mesi: “Parlando con alcuni responsabili della societĂ  MessinaServizi Bene Comune, – spiega Gioveni – ho potuto apprendere che, incredibilmente, la convenzione attraverso la quale la societĂ  dei rifiuti riusciva a prelevare e a smaltire l’amianto sul territorio comunale risulti scaduta addirittura dal 2 maggio scorso!“.

A questo disservizio, – prosegue Gioveni – si aggiunge anche quello del mancato prelievo in cittĂ  delle carogne che certamente, seppur considerato meno grave, non si può non ritenere anch’esso non dannoso per la salute pubblica, atteso il fatto che le carcasse degli animali in decomposizione pregiudica certamente le condizioni igienico-sanitarie dei luoghi in cui esse giacciono indisturbate per lunghi periodi. 

Appare evidente quindi che, qualsiasi possano essere i motivi di questi gravi disservizi, tali deleterie condizioni ambientali non possono piĂą persistere in quanto seriamente minacciose per la salute pubblica! Pertanto, in virtĂą di tutto quanto sopra esposto, chiedo con carattere d’urgenza all’Asp e al suo neo Commissario Straordinario, per il seguito di loro competenza, di porre in essere tutte quelle azioni e provvedimenti nei confronti di tutti gli organi preposti a garantire il servizio di raccolta e smaltimento amianto nel territorio comunale, al fine di assicurare adeguati livelli di igiene e salubritĂ  alla cittadinanza tutta“.

Condividi