“Ci dispiace consigliere, non possiamo prelevare l’Eternit”, la sconcertante risposta di MessinaServizi

“Segnalare a MessinaServizi la presenza di amianto e lastre di Eternit in diverse zone della cittĂ  e sentirsi rispondere: ‘Ci dispiace consigliere, non possiamo intervenire perchĂ© la convenzione stipulata per il prelievo e lo smaltimento dell’amianto è scaduta il 2 maggio 2018’. Non trovo nemmeno le parole per definire questo inqualificabile disservizio, certamente il piĂą grave e dannoso per la cittadinanza visto che qui non c’è in ballo solo il degrado ambientale, ma è fortemente compromessa anche la salute dei cittadini”: è lo sfogo di Libero Gioveni, messo nero su bianco in una nota inviata agli organi di stampa e corredata di fotografie.

“Come si può pensare di raggiungere il sacrosanto obiettivo del 65% della raccolta differenziata e non occuparsi e preoccuparsi dell’urgente raccolta di questo pericoloso materiale dalle strade cittadine? Ma c’è di piĂą!

A questo disservizio se ne aggiunge anche un altro importante per l’igiene cittadina: quello della mancata raccolta in cittĂ  delle carogne! Le carcasse degli animali non possono essere raccolte anche in questo caso per il mancato rinnovo della convenzione.

Chiedo all’assessore all’Igiene Musolino e al presidente di Messinaservizi Lombardo l’immediata stipula di entrambe le convenzioni al fine di garantire adeguati livelli di igiene e sicurezza all’intera cittadinanza”.

Condividi