Ventisei anni fa la mafia uccideva Beppe Alfano. Pietro Grasso: “Cronista onesto contro piste oscure”

Ventisei anni fa, a Barcellona Pozzo di Gotto, la mafia assassinava Beppe Alfano, corrispondente del quotidiano “La Sicilia”.

Il cronista venne ucciso a soli 47 anni per le sue inchieste giornalistiche su Cosa Nostra. Aveva raccontato la guerra tra cosche nel Messinese, gli affari per i maxi-appalti per i lavori pubblici, gli scandali legati alle frodi di produttori agrumicoli che intascavano illegalmente i fondi europei.

E a ventisei anni da quell’atroce delitto Beppe Alfano è ricordato anche dall’ex presidente del Senato, Pietro Grasso: “Un professore con la passione per il giornalismo che con la sua attivitĂ  di cronista onesto e attento battĂ© piste oscure. Quelle piste lo portarono a raccontare gli intrecci fra mafia, politica e imprenditoria in una provincia, quella di Messina, che molti ritenevano ‘babba’, non mafiosa. Beppe Alfano è tra i cronisti uccisi perchĂ© cercava la veritĂ . Fu assassinato la notte dell’8 gennaio 1993. Lo ricordo oggi, come spesso faccio anche durante gli incontri con le associazioni e gli studenti, perchĂ© non ci siano piĂą altri giornalisti uccisi per il loro lavoro. PerchĂ© sia sostenuto e difeso da tutti noi il giornalismo libero, che mette a nudo la corruzione, la criminalitĂ  organizzata, gli abusi e le inadempienze delle amministrazioni pubbliche. Facciamolo anche per onorare i tanti, troppi, cronisti uccisi”.

La figlia Sonia: “PapĂ , proteggi la nostra famiglia”. “PapĂ  oggi sono 26 anni. E’ successo tanto, anzi tantissimo e hai continuato a esserci. Non lo so se sono stata all’altezza di tutto. A volte forse sì, ma spesso no. So per certo di doverti chiedere perdono: per non essere ancora riuscita a farti avere giustizia”. Lo scrive su Facebook Sonia Alfano, la figlia di Beppe Alfano. “Scusami – prosegue Sonia Alfano – se ancora oggi non sono riuscita ad ottenere per te quel senso di rispetto che tanti dovrebbero avere. Continuerò a provarci. Nel frattempo tu continua a proteggere la nostra famiglia”.

 

Condividi