Terremoto: ferite aperte a distanza di 110 anni

Sono trascorsi 110 anni dal terremoto che rase al suolo Messina e Reggio Calabria, purtroppo l’emergenza continua. Lo ha ricordato il deputato regionale Danilo Lo Giudice, intervenendo in aula all’Ars.

“Adesso – ha detto il presidente del Gruppo misto – discutiamo di una tragedia che ha colpito con violenza la zona etnea, ma per fortuna non ha avuto conseguenze luttuose. I gravi danni che ha causato, devono però spingerci a riflettere in modo complessivo sul tema del terremoto, della prevenzione e della tutela di coloro che subiscono le conseguenze.

A 110 anni esatti dal devastante terremoto di Messina che vide decine di migliaia di vittime e oltre il 90% del patrimonio edilizio distrutto, non possiamo non ricordare che oltre 2.500 famiglie di quella città, oltre 7mila persone vivono ancora nelle baracche.

Il presidente Musumeci ha piĂą volte mostrato interesse ed intenzione di intervenire, anche per averne interloquito spesso con il sindaco De Luca, ma la stessa attenzione non è arrivata dal Governo nazionale”.

Lo Giudice ha ricordato il recente parere espresso dal Dipartimento della Protezione civile, contrario alla dichiarazione dello stato di emergenza a Messina: “Nella cittĂ  dello Stretto – ha detto l’attuale sindaco di Santa Teresa – settemila persone, settemila cittadini fra cui tanti bambini che vivono nelle baracche non sono considerati come un’emergenza!

Qui non si tratta di risolvere solo un problema di vivibilitĂ , ma di dare dignitĂ  e diritti ad un’intera cittĂ  e a migliaia di cittadini. Non e’ certo una questione di colore politico, ne’ di una parte politica, ma e’ l’esigenza espressa da una intera comunitĂ . Per questo chiedo al presidente che prosegua nel suo impegno con sempre maggiore incisivitĂ , perchĂ© il Governo, il Consiglio dei ministri ribalti il parere del Dipartimento e riconosca formalmente la situazione di emergenza che a Messina è una realtĂ .

Allo stesso tempo – ha concluso Lo Giudice – mi auguro che le risorse previste dalla legge regionale 10 del 1990 che ancora non sono state assegnate per risolvere tale emergenza e che ammontano ad 81 milioni vengano assegnate all’agenzia per il risanamento neo costituita, così da ridare dignitĂ  alla comunitĂ  messinese”.

Condividi