Sicurezza, prefetto incontra 108 sindaci: “Garantiremo il sereno svolgimento delle festività”

Garantire la sicurezza delle manifestazioni costituisce un impegno inderogabile, a cui devono tendere le istituzioni e i cittadini al fine di tutelare il sereno svolgimento di tutte le manifestazioni, ivi comprese quelle natalizie“. È quanto ha affermato ieri il Prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi, a margine della riunione da lei presieduta alla quale hanno partecipato i vertici delle forze di Polizia e i 108 sindaci della città Metropolitana. Oggetto dell’incontro, che si è tenuto presso Palazzo del Governo, è stato la sicurezza urbana e le iniziative ad essa annesse da implementare in vista delle festività natalizie.

Durante l’incontro, il Prefetto ha fatto presente che la riunione assume un rilievo maggiore considerato tra le altre cose il recentissimo evento di cronaca riguardante l’attentato terroristico di Strasburgo. In tal senso, vista la maggior ressa che si registra durante il periodo natalizio, acquista particolare rilevanza l’installazione di mezzi antisfondamento e antisbarramento nei luoghi dove si svolgono manifestazioni pubbliche di particolare rilievo.

E a proposito di manifestazioni pubbliche, il Prefetto ha ribadito ai presenti la necessità che le comunicazioni relative agli eventi in programma pervengano con il dovuto anticipo agli organi competenti, per consentire la loro valutazione sia in ordine ai piani di sicurezza, sia con riferimento ai piani sanitari che devono essere opportunamente prodotti.

Il Prefetto, infine, ha sottolineato l’importanza dei nuovi strumenti scaturenti dal “Decreto sicurezza”, da implementare d’intesa con le amministrazioni locali. Si parla in particolare dell’individuazione di specifiche aree urbane (scuole, aree verdi urbane, ecc.) alle quali viene esteso il divieto di accesso a soggetti che arrecano disturbo, una disposizione la cui inosservanza può determinare l’applicazione di specifiche sanzioni penali (il cosiddetto DASPO urbano). Previsto inoltre il divieto di accesso negli esercizi pubblici e di stazionamento nelle vicinanze degli stessi per coloro i quali sono stati condannati per reati in materia di stupefacenti. Da non trascurare poi l’attuazione di adeguate misure di prevenzione e vigilanza sulla produzione, commercio e detenzione di materiali pirotecnici, specie in vista dei festeggiamenti di fine anno; e un’idonea attenzione al decoro dei propri centri, sia urbani che periferici, con appositi interventi di riqualificazione ambientale e per la pubblica illuminazione.

Condividi