“Quartieri sicuri”: multe per oltre 16mila euro, controllati uomini, mezzi e negozi

Oltre 16mila euro: è questa la somma complessiva delle sanzioni irrogate, in una settimana, con l’operazione “Quartieri sicuri” dai poliziotti della Volanti della Questura di Messina, coadiuvati da personale della Sezione Annona della Polizia Municipale e dai Tecnici della Prevenzione del Sian. Più precisamente, la lente di ingrandimento è stata puntata sugli esercizi commerciali della zona centro sud della città, due dei quali non a norma, tanto sotto il profilo amministrativo quanto sotto quello igienico-sanitario.

Una gastronomia, dagli accertamenti esperiti dagli operatori risultava priva: della scia, dei requisiti generali in materia d’igiene, delle chiusure dei contenitori raccolta rifiuti. Il secondo, un ristorante pizzeria, oltre a non indicare gli ingredienti dei prodotti venduti, ad avere il bagno destinato ai disabili inagibile, a non formare il personale, risultava carente di basilari requisiti in materia d’igiene, avendo anch’esso i contenitori di raccolta rifiuti non coperti, mancando delle procedure di rintracciabilità degli alimenti e avendo modificato la destinazione dell’ambiente.

Controllata anche una ditta di riparazione ciclomotori e motoveicoli i cui locali apparivano in pessime condizioni. Apparecchiature ed attrezzature alla rinfusa, stesso dicasi per ricambi, oli, vernici e liquidi industriali.

Da approfondimenti, traspariva che la Camera di Commercio per mancanza dei requisiti aveva inibito al titolare la prosecuzione dell’attività professionale di meccanico, esercitata pertanto abusivamente.  I poliziotti procedevano a denunciarlo ed a sottoporre a sequestro il locale corpo del reato.

 

Sempre nei giorni scorsi, “Quartieri sicuri” ha fatto registrare ulteriori significativi risultati. Deferite 2 persone una per appropriazione indebita l’altra per furto. Arrestato, altresì, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente un 22enne. Numerosi i veicoli e le persone sottoposte a controllo.

 

Condividi




Change privacy settings