Con Broccio arriva la 1^vittoria del Gioiosa: “Non sono affatto finito”

Gli √® bastato gi√† il primo allenamento, quello di venerd√¨ scorso, per “contagiare”¬†l’intero ambiente calcistico di Gioiosa Marea¬†con il proprio entusiasmo e la voglia di vivere e di vincere¬†che da sempre lo contraddistinguono, sin dai suoi albori calcistici nel S. Chiara Giostra dei bei tempi che furono.

E non a caso l’esordio di Daniele Broccio (nella foto Roberto Santoro)¬†√® coinciso, sabato scorso, non solo con il suo 41¬į compleanno ma anche¬†con i primi 3 punti stagionali contro l’Altofonte (4-1)¬†con cui¬†i tirrenici cancellano lo zero in classifica dopo 8 sconfitte di fila nel girone B di Promozione. “Dopo un solo¬†allenamento e la partita vinta sono stato eletto leader¬†di tutto lo spogliatoio ed allenatore in campo. I tifosi a fine¬†gara mi hanno ringraziato per quello che ho portato in campo e nello spogliatoio. E’ stato bello¬†sentirmi dire che sono sempre pronto ad elogiare e mai a rimproverare i compagni”.

Ma per lui – abituato¬†per almeno due decenni a stare in prima¬†linea¬†–¬†√® stato gratificante¬†tornare a sentirsi¬†importante, dopo che negli ultimi mesi il calcio dilettantistico messinese – specie quello del capoluogo – l’aveva fatto sentire un po’ snobbato. E Broccio non ha problemi¬†ad ammetterlo¬†apertamente, con la sua¬†solita schiettezza.

Mi avevano inizialmente cercato¬†il Milazzo di Caragliano, il Torregrotta e¬†il Mer√¨, ma poi non se n’√® fatto nulla. A livello cittadino¬†il Gescal e¬†il Villafranca¬†Messana, ad eccezione di Ciccio De Luca che mi stima da sempre (la Messana, prima dell’accorpamento con il Villafranca, era stata l’ultimo club del proprio curriculum, ndr),¬†mi hanno detto apertamente¬†che sono vecchio e preferiscono puntare sui giovani. Pur avendo apprezzato la loro¬†chiarezza, non nascondo che ci sono rimasto male. Ma¬†non mi sono scoraggiato e ho continuato ad allenarmi in attesa della chiamata giusta che √® finalmente arrivata”.

Malgrado¬†le¬†8 sconfitte di fila, il Gioiosa pu√≤ ancora giocarsela per provare a¬†mantenere la categoria:¬†parola di “Zambrotta” (soprannome che¬†da sempre lo accompagna, per via della similitudine all’ex terzino della Juve di cui √® da sempre un fan sfegatato. “L’impresa sembra drammatica ma in realt√† non √® impossibile. Oggi abbiamo giocato¬†bene e¬†considerando pure che¬†a dicembre la dirigenza far√† 3-4 acquisti, possiamo provare a giocarcela con tutti”.

Condividi




Change privacy settings