Mancata assegnazione dei posti letto, sit-in di studenti davanti all’Ersu

Protesta degli studenti universitari di fronte l’Ersu per la mancata assegnazione dei posti letto. Uscito il nuovo bando sono stati 1487 gli studenti rimasti esclusi, così questa mattina si sono presentati di fronte l’ente, striscione nelle mani per avere risposte.
“Siamo idonei – spiega Nicoletta – ma su 2185 richiedenti solo 698 posti letto sono disponibili e dunque i restanti sono risultati idonei ma non assegnatari (1487 studenti senza letto). Ciò comporta una lunga attesa per gli scorrimenti nel pieno delle lezioni e quindi spese inerenti al viaggio o ad una locazione. Quindi richiediamo che venga ripristinato il rimborso per l’alloggio come misura palliativa per questi casi”.
“Sono state ritrovate delle incongruenze nelle graduatorie inerenti a studenti assegnatari che in realtĂ  risultano in sede e dunque chiediamo una maggiore trasparenza nel rispetto della privacy. Inoltre – spiega Federico – sono state riscontrate incongruenze tra i dati forniti dagli studenti e la verifica dell’ente, che riguardano crediti maggiori oltre quelli conseguibili.” Poi ancora: “Le assegnazioni sono state fissate per il 29 ottobre con alle spalle 10 giorni di chiusura delle residenze nel pieno delle attivitĂ  didattiche, costringendo gli studenti a spese economiche non indifferenti.
Considerando che gli scorrimenti continuano fino a febbraio in taluni casi, gli studenti restano per piĂą di metĂ  anno accademico senza una degna risposta. Chiediamo che i tempi per il bando vengano anticipati”.

Condividi