Messina può accodarsi per compostaggio domestico ma servono progetti. Schepis: “Imperdibile bando per acquistare terreni”

Non sarà la sua materia preferita, quella della spazzatura e del suo riciclo per le utenze private, ma Messina si certifica pronta ad accedere ad un finanziamento per agevolazioni erogate nel compostaggio domestico, pari un milione e mezzo di euro. La modalità è un bando che concede un contributo in grado di coprire totalmente le spese per l’acquisto anche di terreni deputati ad ospitare gli impianti necessari o l’adeguamento di strutture esistenti. Il tutto comprende anche apparecchiature e software, indennità e contributi vari, formazione ed aggiornamento del personale e campagna di sensibilizzazione ed informazione.

Bisogna mettersi in riga per l’elaborazione dei progetti andando a guardare la bozza con tutti i criteri di partecipazione nel sito della Regione Siciliana, così da essere preparati e afferrare l’occasione di godimento di queste somme.

Ad invitare lo Staff De Luca ad ampliare il raggio d’azione è il consigliere comunale Giuseppe Schepis del Movimento 5 Stelle che suggerisce di predisporre tutti gli atti per aderire al bando in fase di emanazione, a cura del Dipartimento Regionale dell’Acqua e Rifiuti relativo all’Azione 6.1.1 – “Realizzare le azioni previste nei piani di prevenzione e promuovere la diffusione di pratiche di compostaggio domestico e di comunitĂ ”.

La Sicilia risulta anche la prima regione a dotarsi di un Regolamento sulle misure di compostaggio con degli schemi a cui tutte le Amministrazioni, locali e comunitĂ  devono attenersi.

“Il Comune dovrebbe iniziare ad investire nella raccolta differenziata dell’umido – avverte Schepis -, che ricordo, costituisce la parte piĂą consistente dei rifiuti che si producono giornalmente. Se l’attuale amministrazione non ha intenzione di aprire nuovi impianti di compostaggio, conviene comunque partecipare al bando. Si può presentare una richiesta per migliorare un impianto giĂ  esistente e spendere la maggior parte delle somme per formare il personale, acquistare un buon software gestionale unico per il ciclo dei rifiuti ed investire in una seria campagna di informazione che aiuterebbe ad incrementare non solo il “compostaggio domestico” ma tutta la raccolta differenziata di qualitĂ .

Il consigliere Schepis ha realizzato e indirizzato al sindaco una scheda di quanto previsto nella bozza dell’avviso ancora in fase di emanazione.

Dipartimento Regionale dell’Acqua e Rifiuti Regione Siciliana con Azione 6.1.1 – “Realizzare le azioni previste nei piani di prevenzione e promuovere la diffusione di pratiche di compostaggio domestico e di comunitĂ ”.

Possono partecipare alla 6.1.1 del Po FESR Sicilia i Comuni della Regione Siciliana, anche nelle loro forme associative regolarmente costituite al momento della presentazione dell’istanza, ARO.

Ogni Ente beneficiario è titolato alla presentazione delle istanze come:

– istanza da parte del singolo Comune per l’attivazione di interventi su tutto o parte del proprio territorio;

– istanza da parte dell’ARO per interventi da attivarsi su tutto o parte del territorio di uno o piĂą comuni;

Ogni amministrazione comunale può presentare una sola istanza di contributo, pertanto le due modalità di cui sopra sono alternative. Il bando ha una dotazione complessiva di 16.104.160,16 euro e prevede un contributo a fondo perduto pari al  100% delle spese ammissibili.

Il contributo erogabile verrà determinato sulla base della consistenza demografica così stabilita:

– 350.000 mila € fino a 5 mila abitanti;

– 800.000 € fino a 25 mila abitanti;

– 1.200.000 € fino a 100 mila abitanti;

– 1.500.000 € oltre 100 mila abitanti.

Sono ammissibili al contributo finanziario le spese relative all’acquisto ed installazione di compostiere per il trattamento della frazione organica di piccola scala (quali comunitĂ , centri delle isole minori e montani isolati di piccole dimensioni), le strutture ausiliarie connesse alla installazione e gestione delle summenzionate apparecchiature e gli eventuali interventi di adeguamenti di strutture esistenti necessarie al funzionamento delle stesse.

Tutti progetti, che potranno prevedere l’acquisto e l’installazione di uno o più impianti di compostaggio, devono rispettare le seguenti condizioni per ogni singolo impianto oggetto dell’istanza:

1) le installazione/i devono ricadere sul territorio della Regione Siciliana;

2) la   capacità   massima   di   trattamento dell’apparecchiatura, facendo   riferimento   a   quelle dichiarate dai produttori, non deve essere superiore alle 130 tonnellate anno per il compostaggio di comunità e 80 tonnellate anno per il compostaggio di prossimità;

3) deve essere predisposto uno studio di fattibilitĂ  in cui vengono identificate aree destinatarie della tipologia di trattamento prevista

4) gli impianti devono essere realizzati su aree:

  1. a) di proprietà   del   beneficiario, ovvero, aree   che   siano   nella   disponibilità   del beneficiario o in virtù di un titolo che ne legittimi la detenzione (es. comodato, locazione, affitto) o il possesso (es. usufrutto, uso, superficie) per tutta la vita utile dell’intervento;
  2. b) pubbliche o di libero accesso al pubblico se gestite direttamente dal Comune, o in aree nella   disponibilità   giuridica dell’organismo   collettivo individuato   e convenzionato dal Comune;
  3. c) dotate di allaccio al sistema fognario, a quello elettrico e a quello idrico;

5) le   apparecchiature   elettromeccaniche   di   comunità devono essere corredate da un “Piano” che descriva l’utilizzo previsto da parte del Soggetto gestore e dell’Organismo collettivo del compost prodotti.

Tra le spese ammissibili rientreranno:

▪ investimenti relativi ai lavori necessari alla realizzazione e sistemazione dell’infrastruttura, comprensivi di opere edili per la realizzazione di vani tecnici, ed impiantistiche strettamente necessarie e connesse alla installazione ed al funzionamento degli impianti di compostaggio, ovvero, per ogni impianto;

▪ allestimento dell’area di gestione del compostaggio di comunitĂ  e locale;

▪ acquisto di attrezzature, macchinari ed apparecchiature strettamente connessi all’avvio/implementazione e gestione dell’attivitĂ  del compostaggio, nonchĂ© per l’adeguamento infrastrutturale (compostiere di comunitĂ , impianti locali di prossimitĂ , apparecchiature hardware e soluzioni software per la gestione del ciclo produttivo e di utilizzo del compost, mezzi meccanici ad uso dell’impianto di compostaggio ad esclusione di veicoli di trasporto su strada, ecc.)

▪ acquisizione di terreni e aree non edificate o immobili necessari per la realizzazione dell’opera, le cui spese di esproprio e di acquisizione, ammissibili in presenza della sussistenza di un nesso diretto fra l’acquisizione delle stesse aree e gli interventi relativi alle opere da realizzare;

▪ indennitĂ  e contributi dovuti ad enti pubblici e privati come per legge (permessi, concessioni, autorizzazioni, finalizzate all’esecuzione delle opere);

▪ spese generali;

▪ campagne di sensibilizzazione, informazione e comunicazione;

▪ formazione per il personale incaricato.

Condividi




Change privacy settings