Parco Museo Jalari: in arrivo la XXXIX° edizione della Festa Vendemmia

Domenica nell’incantevole scenario del Parco Museo Jalari si rinnova l’appuntamento con la XXXIX edizione della Festa della Vendemmia,  durante la quale sarĂ  possibile assistere al processo produttivo della pigiatura dell’uva nel secolare “Palmento a Verga”, con la collaborazione dell’Associazione Amici di Maloto, accompagnato dai canti e dalle controdanze della vendemmia a cura del gruppo folk “Il Melograno”. Immersi  nell’incontaminata natura si potrĂ  rivivere ancora una volta l’incanto del passato, quando si lavorava cantando, quando la vendemmia era occasione di incontri, di gioia condivisa nel lavoro, di amori nati in un vigneto.
Il tutto si concluderà con la tipica fagiolata offerta agli ospiti ed un momento di musica e ballo con gli “Atmosfera Blu”.
La “Festa della Vendemmia” ospiterà anche diverse mostre e attività, fra cui:
– La mostra “Parole” dedicata all’artista Mariano Pietrini a cura di EProjectConsult.
– Mostra e estemporanea di pittura e scultura a cura dell’associazione ArtĂ©donna.
– “Il suono magico” laboratorio di fischietti in argilla ad opera dell’artista Mimma Nicolosi.
– La festa della Vendemmia nel tempo – mostra fotografica
– Mercatino di artigianato e prodotti tipici
– Giochi popolari per adulti e bambini a cura dei ragazzi dell’oratorio Salesiano. Di seguito il programma completo della giornata.

 

Ore 16.00

“Piazza della Genesi” Dimostrazione della pigiatura dell’uva nel palmento settecentesco con canti, danze e controdanze sulla vendemmia con il gruppo Folcloristico “Il Melograno”e “Mr. Balkanic”.
“Il suono magico” laboratorio creativo per la realizzazione di fischietti in argilla ad opera di Mimma Nicolosi.
Ore 17.00

“Piazza Aromi e Sapori” Giochi popolari per adulti e bambini.

Ore 19.00

“Piazza Aromi e Sapori” Musica e danze popolari in Piazza “Aromi e Sapori” con “Atmosfera Blu”.
Degustazione di pasta e fagioli e vino.

Su prenotazione sarĂ  possibile prenotare il pranzo della vendemmia con i prodotti tipici del territorio.

 

Condividi