Il Valdinisi sceglie Nello Miano per la panchina dei Giovanissimi

Un bravo allenatore e una grande persona sta per tornare “in pista”, sia pure a livello di settore giovanile: sebbene non sia ancora ufficiale, dopo quasi 1 anno e 8 mesi di fermo (25 gennaio 2017), dalla “separazione consensuale” con l’allora Usd Pistunina (Eccellenza), Nello Miano ha ceduto al corteggiamento triennale del Valdinisi che gli affiderĂ  le formazioni “Giovanissimi Provinciali” ed “Esordienti“.

Il mister nativo di Roccalumera porterĂ  al proprio seguito due collaboratori fidati Carmelo Campailla, con cui si alternerĂ  alla guida delle predette formazioni, e il prof. Paolo Cicciò destinato invece ad occuparsi della scuola calcio. Il fatto che Miano abbia deciso di coinvolgere in quest’avventura due persone di propria fiducia la dice lunga sulla considerazione da lui nutrita nei riguardi della proposta del Valdinisi: “I fratelli Ciccio e Salvo Basile mi inseguivano sin da quando io lavoravo ancora nel Pistunina – spiega il tecnico classe ’63 -. Se a questi aggiungiamo il calcio mi mancava, ecco spiegata la mia decisione di accettare la proposta. Mi è stato prospettato un progetto triennale di lavoro attraverso cui approdare alle categorie giovanili regionali. Lavoreremo ad Alì Terme e precisamente nel campo di calcio con i Giovanissimi e riservando l’attrezzata e confortevole tensostruttura ai piĂą piccoli. Per certi versi mi sembra di tornare alle origini della mia carriera tecnica, e cioè al 1999/2000 allorquando assieme a Paolo Cicciò creammo la Mediterranea, una scuola calcio con 90 bambini. L’obiettivo è ricreare la struttura di allora, dando vita principalmente a una scuola calcio specializzata e riconosciuta che funga da punto di riferimento lungo la nostra riviera laddove, a parte la Jonica, non vedo granchĂ©”.

A Miano non manca granchĂ© il calcio regionale di vertice, quello di Eccellenza e Promozione. PiĂą volte ne ha denunciato le storture, a cominciare dai ritiri delle societĂ  a campionato in corso. Quest’estate la prima formazione è saltata prima ancora del fischio d’inizio: “Non è cambiato nulla – conclude con rammarico il mister -. Il calcio siciliano non è altro che lo specchio di quello nazionale, con riferimento alle vicende della Serie B e C. Prima ancora dei corsi di allenatore, bisognerebbe tenere quelli da dirigente: troppa gente s’improvvisa senza alcuna reale competenza, sol perchĂ© porta qualche sponsor“. 

Condividi




Change privacy settings