Raffineria di Milazzo, Calderone: “La Regione si costituisca parte civile”

“Valutare se costituire la Regione come parte civile nei procedimenti penali a carico dei vertici pro tempore della Raffineria di Milazzo”. È quanto chiede l’esponente forzista all’Ars, Tommaso Calderone, al governatore regionale Nello Musumeci e agli assessori al ramo, nonché al sindaco metropolitano Cateno De Luca. “A ottobre è fissata l’udienza preliminare – spiega Calderone – e i reati contestati sono tanto gravi (anche di natura ambientale) quanto dannosi per la salute e l’ambiente“.

L’invito a costituirsi parte civile – continua il deputato – è esteso anche a tutti i sindaci delle zone limitrofe considerato che il diritto alla salute della nostra gente ha la priorità su tutto. Abbiamo il diritto di sapere come stanno le cose, specie sulla possibile incidenza delle emissioni prodotte dalla Raffineria e l’aumento di gravi malattie fra i residenti della città.

“Per tale motivo – conclude l’esponente di Forza Italia – confido nella magistratura affinché faccia il suo dovere, così come la politica dovrà fare altrettanto. Di certo, da parte mia prometto massima allerta nella duplice veste di deputato e avvocato penalista“.

Condividi




Change privacy settings