Rifiuti e detriti nella pineta di Calamona: Biancuzzo scrive al sindaco

Detriti, spazzatura ed erbacce. È questo il triste spettacolo che si presenta dinnanzi a chiunque decida di passare presso la pineta di Calamona, un tempo fiore all’occhiello per i residenti dei villaggi situati lungo l’estrema riviera nord. Uno scempio questo che ha spinto il consigliere della VI Circoscrizione, Mario Biancuzzo, a scrivere alla giunta De Luca: “Faccio presente che scaricatori abusivi hanno sfregiato le bellezze della pineta di Calamona: al posto degli ombreggianti pini ci sono rifiuti e materiali da costruzione. Inoltre, i pochi alberi risparmiati dagli incendi boschivi non vengono potati da anni. Insomma, lo spazio è abbandonato a sé per l’incuria di costruttori abusivi e persone senza scrupoli che scaricano la qualunque, inquinando l’ambiente”.

L’edificio abbandonato, che si trova sotto i pini bruciati dal pauroso incendio del 30 giugno dello scorso anno, 40 anni fa era un bar. Tutti venivano a sedersi sotto i pini ben curati che emanavano un odore gradevole, ombra e frescura. Da quando il bar ha chiuso tutto è andato in rovina: alcuni incivili non effettuano la raccolta differenziata e, aiutati dalla totale mancanza di illuminazione, scaricano i sacchi pieni di immondizia sotto i poveri alberi.

Premesso ciò chiedo: al signor sindaco Cateno De Luca di voler intervenire autorevolmente sui responsabili del settore per eliminare tutta la spazzatura esistente e procedere altresì con la scerbatura in tutta la pineta di Calamona, per dare decoro al parco e per evitare che qualche altro incendio bruci i pochi alberi che ancora resistono; al signor assessore all’Ambiente un sopralluogo per accertare il degrado che regna in questo bellissimo luogo, io stesso sarò lieto di accompagnarla; al signor assessore all’Arredo urbano di intervenire per rinverdire lo spazio attraverso l’innesto di nuovi alberi di pino per restituire ai luoghi lo stato originario di spazio naturalistico”.

Condividi




Change privacy settings