Presidenze commissioni, Gioveni alla MobilitĂ  e Rizzo al Bilancio

Tutto come previsto. Libero Gioveni (Partito Democratico) è stato eletto presidente della I commissione, quella che tratta di Mobilità e Lavori Pubblici, mentre Massimo Rizzo (Libera Me) guiderà la commissione Bilancio. In questa settimana il mosaico delle commissioni sarà ultimato, così il nuovo Consiglio Comunale potrà veramente iniziare a svolgere la regolare attività quotidiana. Confermate le previsioni della vigilia, Gioveni è stato eletto con 11 voti mentre Schepis ne ha ricevuti appena 4, mentre a completare l’ufficio di presidenza saranno Giovanni Scavello nel ruolo di vicario e Massimo Rizzo come vice.

Soddisfatto l’esponente del Pd che poi ha dichiarato: “Il mio vuole essere un mandato basato sulla condivisione, ma soprattutto sul confronto continuo con l’amministrazione. Sono onorato e nello stesso tempo sento su di me tanta responsabilitĂ  per questo nuovo e importante ruolo affidatomi dai colleghi che ringrazio per la fiducia.   L’elevato numero di deleghe, per altro parecchio complesse, comporteranno, a fronte anche delle tante emergenze cittadine, un impegno gravoso che vorrei concretizzare, unitamente a tutti i colleghi, anche attraverso una costante e incisiva interlocuzione con l’Amministrazione”.

Massimo Rizzo eletto presidente della commissione Bilancio

Successivamente è stato eletto anche l’ufficio di presidenza della II commissione, quella Bilancio. Il nome forte era quello di Massimo Rizzo, che ha raggiunto una maggioranza bulgara con 14 voti ed una sola scheda bianca. Al suo fianco ci saranno Piero La Tona come vicario e Giovanni Scavello, nel ruolo di vice. Anche Rizzo annuncia: “Da me avrete la massima c condivisione, questa commissione è molto importante ma richiede un particolare senso di responsabilità”.

Domani toccherà alle elezioni di altri due uffici di presidenza, quelli delle commissioni Igiene e Sanità mentre alle 16,30 si riunirà la commissione Sviluppo Economico. Le due commissioni dovrebbero diventare di competenza del centrodestra, i nomi sono quelli di Giovanni Scavello alla III e Ugo Zante alla IV, ma c’è starebbe spingendo affinchè anche quest’ultima fosse assegnata al centrosinistra, il nome su cui si vorrebbe puntare è quello Alessandro Russo. Un’eventualità che romperebbe il clima da “volemose bene” che si è respirato oggi in aula, visto che il centrodestra ha partecipato alle elezioni del presidenti senza battere ciglio.

Condividi




Change privacy settings