Consiglio, da domani si fa sul serio ma è già caccia alla presidenza delle commissioni

Per l’Ufficio di Presidenza, ormai, i giochi sono fatti e non si torna indietro, ma qualche malumore c’è. Alla fine, però, farà fede quanto stabilito nell’ultimo Consiglio Comunale, così da domani l’attività del civico consesso entrerà a pieno regime, almeno fino alla canonica pausa estiva. In molti, soprattutto tra i banchi del centrodestra, hanno storto il muso per l’impostazione data al lavoro dell’aula, che prevederà due sedute di commissione al giorno. Ciò che però non è andato giù a qualche consigliere è che il martedì e il giovedì, una seduta si svolgerà alle 16,30 oltre alla canonico appuntamento delle 11,30, confermato anche il lunedì e il mercoledì, quando però la commissione di turno si riunirà anche alle 9,30.

Secondo qualche consigliere lo svolgimento dei lavori in orario pomeridiano renderebbe qualche problema, ma appare del tutto improbabile un cambio in corsa. Da domani, dunque, si torna a fare sul serio e si rimettono anche le tattiche politiche per la suddivisione delle presidenze delle varie commissioni. Anche in questo caso, dovrebbe essere il Movimento 5 Stelle  fare la voce grossa, visto che ben tre presidenze su otto spetterebbero ai pentastellati. Ben due presidenze toccherebbero alla lista Libera Me, mentre una sola presidenza dovrebbe essere targata Partito Democratico. Le restanti due spetterebbero ad un centrodestra che si lecca ancora le ferite dopo esser rimasto fuori dall’Ufficio di Presidenza.

In questo scenario non mancano le candidature di chi ambisce a guidare una delle commissioni di cui fa parte. Ad esempio, non è un mistero che Gaetano Sciacca punti alla guida della VI commissione, quella alla Pianificazione Urbana. In ambito del centrosinistra, uno dei nomi che circola è quello di Massimo Rizzo (Libera Me), presente nella commissione Mobilità e Lavori Pubblici, Bilancio e Politiche Finanziarie, Sviluppo Economico e Piano Strategico, Scuola e Politiche Culturali, Pianificazione Urbana e Politiche Sociali. Chi punta ad una presidenza, ma in ambito centrodestra, sono Giovanni Scavello (presente nelle commissioni Mobilità e Lavori Pubblici, Bilancio e Politiche Finanziarie, Igiene e Sanità, Sviluppo Economico, Scuola e Politiche Culturali, Pianificazione Urbana e Politiche Sociali) ed Ugo Zante (presente nelle commissioni Bilancio e Politiche Finanziarie, Igiene e Sanità, Sviluppo Economico, Scuola e Politiche Culturali, Pianificazione Urbana e  Politiche Sociali).

Condividi




Change privacy settings