Al via le assunzioni con il Pon Inclusione Comune, domani contratto ai 13 assistenti sociali. Elenco definitivo per 3 psicologi

Tredici nuovi reclutamenti a Palazzo Zanca scatteranno da domani, con la firma del contratto a tempo determinato fino al 31 dicembre 2019. Tredici con la qualifica di assistenti sociali saranno assunti domani, nell’ambito degli stanziamenti Pon Inclusione, per cui è stato espletato il bando dell’epoca Santisi per contrastare la povertà e che in questi giorni sta avendo seguito. A coordinare adesso è l’assessore ai Servizi Sociali Alessandra Calafiore che ce l‘ha anticipato, insieme anche al dirigente competente Domenico Zaccone. Questa è la prima tranche perché nel frattempo la graduatoria sta scorrendo e successivamente saranno contrattualizzati altri 13 per un totale di 26 previsto. E’ già comparsa formalmente la graduatoria definitiva degli psicologi per cui c’erano disponibili tre posti mentre per la mansione degli educatori è stata pubblicata martedì della scorsa settimana quella provvisoria. Per legge, devono passare dieci giorni per eventuali osservazioni e richiesta del riesame e poi il dirigente arriverà alla definizione dell’elenco anche per queste figure di cui si ha l’esigenza in numero di tre. Il dipartimento per questo iter agisce con il dipartimento delle Risorse umane.

“Abbiamo già consegnato i documenti per procedere con la graduatoria degli assistenti sociali – spiega l’avvocato Zaccone – per controllare se questi accolgono l’incarico. La tempistica di accettazione non è gestita direttamente da me bensì dall’Ufficio Risorse umane. E’ chiaro che bisogna essere rapidi perché ho necessità di potermi avvalere di tutti i professionisti autorizzati dal bando”.

Gli assistenti sociali avranno un posto al Dipartimento o in altri locali decentrati sempre appartenenti al Comune di Messina e lavoreranno sotto l’egida dei nostri assistenti sociali per la presa in carico dei progetti Rei. E’ stato possibile assumere ex novo e non attingendo da organico interno attraverso il finanziamento del Pon Inclusione che ha consentito di cercare e selezionare dei nuovi dipendenti destinati al Rei o Reddito d’Inclusione, a tutte quelle azioni che sono inerenti il Rei quindi beneficio economico erogato con valutazione del progetto, degli utenti e avvio del progetto personalizzato, finché si possano raggiungere gli obiettivi del Rei. Insomma un percorso guidato proprio da questi ingaggi occupazionali che devono decidere come offrire questo aiuto finanziario a seconda delle problematiche dei partecipanti che spaziano dalla perdita del lavoro quindi la ricerca di un altro ai disagi sanitari a quelli connessi all’indigenza. Si vuole adempiere a tutti i casi con i protocolli fatti per attivare gli Enti pubblici come il Centro per l’Impiego, l’Asp, l’Uepe con cui il Comune collabora. Il personale, assunto senza distinzione di qualifica, svolge un’attività di trenta ore la settimana per cinque giorni a settimana, in un periodo circoscritto che durerà fino alla fine del 2019.

Condividi




Change privacy settings