Tonno rosso venduto abusivamente, cinque denunce per frode in commercio

Sequestrati 2.200 kg di tonno e altre specie ittiche, cinque titolari di aziende denunciati per frode in commercio: è il bilancio dei controlli messi a segno dai carabinieri del Nas di Catania nelle province di Catania e Messina, incluse le aree cittadine a diretto contatto con l’area portuale. Complessivamente sono stati eseguiti 20 controlli ad esercenti, pescherie e distributori di prodotti ittici nell’area Nord Est della Sicilia, anche dopo alcune segnalazioni di intossicazione.

Uno degli interventi piĂą significativi ha riguardato la periferia di Catania dove è stato scoperto dai militari, insieme ai veterinari del Dipartimento di prevenzione dell’Asp della cittĂ , un deposito all’ingrosso di prodotti ittici totalmente abusivo, dove erano stati appena accantonati sette esemplari di tonno rosso di oltre due quintali ciascuno per i quali non era assolutamente dimostrabile nĂ© la provenienza nĂ© la salubritĂ  attraverso la certificazione sanitaria obbligatoria. Solo pochi giorni fa il Nas di Palermo, in seguito all’intossicazione di una ragazza che aveva  consumato del tonno, ha effettuato controlli in cinque pescherie/depositi ittici dove ha sequestrato 220 kg di tonno rosso, 47 kg di pesce spada e circa 500 kg di pescato di vario genere perchĂ© detenuto in cattivo stato di conservazione e privo di tracciabilitĂ .

Condividi




Change privacy settings