Tragedia via dei Mille, ciabatta elettrica mal funzionante la causa del rogo?

Sembrano ad una svolta le indagini sull’incendio in via Dei Mille che venerdì scorso ha provocato la morte di Francesco Filippo e Raniero Messina, rispettivamente di 13 e 10 anni.  Secondo quanto emerge dalle prime indagini svolte dal Nucleo investigativo antincendi dei vigili del fuoco e dalla polizia potrebbe essere stata una presa elettrica o una ciabatta mal funzionante a provocare l’incendio che ha devastato l’appartamento.

In via Dei Mille, dove abitavano i due bimbi, decine di persone hanno lasciato fiori. Ieri il medico legale del Policlinico di Messina ha eseguito l’esame esterno dei corpi, deducendone che la morte è stata causata dalle esalazioni dell’incendio.

L’ipotesi del cattivo funzionamento della presa elettrica della cucina, lo stesso ambiente che ospitava il soppalco sul quale dormivano i fratellini, era stata avanzata dal padre delle vittime poco dopo la tragedia.

Martedì l’ultimo saluto agli angeli di Messina. Martedì mattina Messina tratterrĂ  il fiato per dare l’ultimo saluto a Francesco Filippo e Raniero Messina, i due fratellini di 13 e 10 anni tragicamente scomparsi durante l’incendio che ha devastato la loro abitazione di via dei Mille nella notte tra giovedì e venerdì.

Alle 10 si svolgeranno i funerali al Sant’Ignazio, lì un’intera città si stringerà attorno a papà Gianmaria, a mamma Chiara e ai fratellini Tancredi e Federico. Una città che già a partire da venerdì, vale a dire subito dopo la tragedia, ha mostrato tutto il proprio rispetto per una famiglia conosciuta e apprezzata in tutto il centro cittadino.

Venerdì pomeriggio tutte le saracinesche della via dei Mille erano aperte e metĂ  in segno di lutto, la campagna elettorale si è fermata per 24 ore, così come le attivitĂ  dell’UniversitĂ  e del teatro “Vittorio Emanuele”, tutti hanno ritenuto corretto fermarsi come segno di rispetto per due piccole vite tragicamente spezzate.

Condividi