Bombe d’acqua nel Messinese, 113mm di pioggia a Torre Faro e S. Agata. GUARDA IL VIDEO

Messina e provincia si sono ritrovate nella morsa del maltempo. Frane, strade allagate e in alcuni casi vere e proprie bombe d’acqua: è il bilancio registrato al momento nella CittĂ  dello Stretto, una situazione che potrebbe perdurare per tutto il fine settimana.

I forti rovesci registratisi ieri non hanno risparmiato nessuna zona del capoluogo di provincia: da Torre Faro a Messina centro sino a Santa Margherita si sono verificate delle intense piogge. Si parla in particolare di 113mm di pioggia a Torre Faro e S. Agata, 88mm a Ganzirri, 55mm a Messina Centro, 48mm a Santa Margherita, 37mm a Santo Stefano Briga. In alcuni casi addirittura le auto sono state travolte dalle piogge torrenziali, come nel caso di Sant’Agata dove dei residenti increduli hanno visto le proprie auto riversarsi sulla spiaggia.

Attimi di paura anche nel comprensorio tirrenico, dove ieri pomeriggio si sono verificati diversi nubifragi. Stiamo parlando di auto interdette al traffico per i violenti torrenti d’acqua che si sono venuti a creare, nonchĂ© di abitazioni raggiunte dalle piogge torrenziali. In particolare, a Capo d’Orlando si sono registrati allagamenti tra il centro e contrada Malvicino; sul posto la Municipale in soccorso degli automobilisti in difficoltĂ .

Disagi anche a Brolo, dove strade a rischio si sono (ri)trasformate in dei veri e propri torrenti, come la via Strauss nella quale decenni fa scorreva il torrente Pozzo. Verificatesi inoltre frane lungo la SS 113 nei pressi di Testa di Monaco tra Naso e Capo d’Orlando, zona nella quale si teme il peggio se l’ondata di maltempo non dovesse terminare dato che è classificata ad alto rischio idrogeologico.

Codice giallo sino alle 24. Stando al bollettino diramato dal Dipartimento regionale della Protezione civile è stato confermato sino alle 24 di oggi il codice giallo di rischio meteo-idrogeologico e idraulico nel Messinese. Particolare attenzione dovrĂ  essere fatta nell’attraversamento dei torrenti.

Condividi




Change privacy settings