EleMe, i presidenti di seggio rispondono alle critiche: “Noi abbandonati dal Comune”

Un vero e proprio tour de force. I presidenti di seggio hanno dovuto affrontare un’autentica Maratona in occasione dello spoglio elettorale, andato particolarmente a rilento piuttosto che in altri contesti siciliani. Molte le critiche arrivate, visto che a 36 ore dalla chiusura dei seggi non si hanno i dati definitivi per gli aspiranti consiglieri comunali, ma il comitato spontaneo dei presidenti non ci sta e ribatte con una nota firmata da Carmelo Crisafulli:
“L abberrante e disumana vicenda che ci accomuna ai seggi elettorali la devono conoscere tutti altrimenti passiamo come al solito noi come carne da macello,lentezza ritardi rispetto alle altre metripoli anche siciliane addebitati al lavoro svolto dai componenti dei seggi….. Vergognoso tutto questo, vergognoso non avere dietro gli altri apparati che dovrebbero coadiuvare tutti noi….Comune assente oltre che fare quegli stampati del verbale, nessun numero di telefono posto nei plichi eppure sapevano che vi erano molti presidenti alle prime armi,se riuscivi a reperire tali numeri e li rintracciavi qualsiasi problema avevi ti rispondevano che dovevamo arrangiarci noi….. prefettura inesistente nessuna collaborazione fattiva….e poi il girovagare dopo trenta ore al seggio per consegnare i plichi pesanti come non mai quando potrebbero aiutarci al seggio stesso…..vergogna.. solo vergogna……sono parole forti ma vere che dobbiamo far sentire all’ esterno”
 

Condividi




Change privacy settings