La Cgil al Governo nazionale: “Pensi subito ai precari”

Sotto la presidenza del segretario generale della Cgil Messina Giovanni Mastroeni si è tenuta una partecipata iniziativa del comparto del pubblico impiego. Il Salone delle Bandiere del Comune di Messina, affollato di lavoratori dei servizi pubblici per l’incontro promosso e voluto dalle categorie FP e FLC della Cgil che hanno dato spazio alla voce di delegati e RSU dopo l’ultimo rinnovo delle Rappresentanze sindacali unitarie e che hanno affrontato importanti tematiche occupazionali e sociali. Presenti i segretari generali nazionali delle due categorie dei comparti pubblici, della FP Serena Sorrentino e della FLC Francesco Sinopoli. Da Messina è partito un forte messaggio al nuovo Governo: la campagna elettorale è finita, ci sono tante vertenze in campo, giù le mani dalle risorse per finanziare welfare, servizi, lavoro e salari.

“Bisogna entrare da subito nel merito dei problemi”, ha detto con forza il segretario Flc, Sinopoli. “C’è la vertenza dei diplomati magistrali e si riparte dalla nostra richiesta di abolizione della legge 107”, ha proseguito annunciando anche una nuova piattaforma per il prossimo contratto e la battaglia perché la nuova Legge di Bilancio preveda le risorse per dare le giuste risposte ai lavoratori. Il segretario della categoria della scuola, dell’università, della ricerca ha poi messo in evidenza la diseguaglianza nel Paese che in questi anni è fortemente aumentata al Sud: “Bisogna investire sul tempo scuola al Sud, dare ai bambini gli stessi diritti e creare lavoro al Sud. La nostra priorità è un piano Marshall per la scuola nel Mezzogiorno”. “Un piano straordinario per l’occupazione nella pubblica amministrazione, questa una priorità e un’emergenza – ha sottolineato la segretaria della Fp, Sorrentino – nei settori pubblici che sono fondamentali per il nostro Paese. La nostra mobilitazione continua per le risorse per il rinnovo del contratto, per la stabilizzazione di tutti i precari”. FLC e FP sono pronte a una nuova e forte mobilitazione in vista dei prossimi provvedimenti finanziari del Governo.

Sulle tematiche del Mezzogiorno la segretaria della Fp ha inoltre detto: “Per il Sud ci vuole lavoro e sviluppo non politiche di assistenzialismo”. “Per i nostri territori investimenti pubblici e una politica di intervento economico per creare nuova occupazione e crescita sociale, risposte forti e immediate”, ha  sottolineato il segretario generale della Cgil Messina Giovanni Mastroeni.

I segretari generali di Fp e Flc Messina, Francesco Fucile e Pietro Patti nel sottolineare come  l’iniziativa di oggi ha voluto mettere in evidenza l’impegno e la partecipazione nei luoghi di lavoro che ha portato al grande risultato della Cgil al rinnovo delle Rsu ribadiscono come contrattazione decentrata e prossimo contratto vedranno le due categorie mobilitate e come su questioni locali in primo piano ci sono le risposte da dare per  precari, Città Metropolitane, lavoratori dell’igiene ambientale, edilizia scolastica.

Sono intervenuti diversi delegati ed Rsu di FP e FLC, i segretari generali della FP Sicilia Gaetano Agliozzo e della FLC Sicilia Graziamaria Pistorino.

 

Condividi