“Aumentino incarichi per giovani avvocati”… pensando al 10 giugno. Ricetta Saitta per favorire legali “altruisti”

Occupare in maggior misura i giovani avvocati semplicemente applicando un decreto legislativo che avvantaggia i professionisti che collaborano con le nuove leve della categoria. “Una sorta di altruismo”, interpretiamo, vincolato anche dal supporto di uno svecchiamento degli specialisti del diritto. E’ una delle proposte del candidato sindaco del Centrosinistra Antonio Saitta nel corso di un incontro con il consiglio dell’Ordine provinciale degli avvocati.

“Se dovessi essere eletto sindaco, uno dei miei impegni sarĂ  chiedere l’implementazione della copertura della pianta organica dei magistrati del distretto giudiziario di Messina. Non solo. Il mio obiettivo sarĂ  anche quello di mettere in atto l’applicazione del decreto legislativo n. 50, per l’assegnazione degli incarichi professionali di patrocinio legale del Comune, secondo criteri di rotazione e trasparenza. Saranno privilegiati quei legali che si proporranno nella difesa insieme a giovani avvocati, in modo da incrementare l’occupazione giovanile in un settore quello dell’avvocatura, che attraversa come altri, una crisi profonda”.

L’appuntamento è stato occasione per discutere anche di altri importanti temi, quali la realizzazione del secondo Palazzo di giustizia, i cui tempi si sono dilatati oltre misura.

“Non è piĂą possibile attendere – ha affermato il candidato sindaco – è fondamentale velocizzare al massimo gli adempimenti burocratici, monitorando attentamente il cronoprogramma di attuazione dei Ministeri della Difesa e della Giustizia. Per fare ciò sarĂ  necessario creare una cabina di regia composta dal Comune, dall’Ordine degli avvocati, dalla sezione distrettuale dell’Anm e dai sindacati dei lavoratori del comparto giustizia. E’ indispensabile attivarsi perchĂ© questa nuova realtĂ  veda finalmente la luce, poichĂ© lo svolgimento delle attivitĂ , ad oggi, risente pesantemente della mancanza di strutture adeguate”.

Secondo Saitta, la realizzazione della seconda sede non solo comporterebbe un efficientamento del sistema Giustizia, ma darebbe impulso all’economia cittadina, che anche le lungaggini burocratiche contribuiscono a condizionare negativamente”.

“La costruzione del Palagiustizia bis – conclude Saitta – è indispensabile anche per tutelare la sopravvivenza della Corte d’Appello di Messina, oggi non più oggetto di discussione, ma, come ho detto in passato, non abbiamo certezza per il futuro, in quanto il problema potrebbe riproporsi”.

Tra gli altri argomenti affrontati nel corso dell’incontro con gli esperti, si è disquisito anche sull’opportunitĂ  di creare un asilo aziendale per avvocati, magistrati e personale di cancelleria, che consentirebbe a tutti di svolgere piĂą serenamente il proprio mestiere, usufruendo di un’area adeguata e sicura per i propri figli.

Condividi




Change privacy settings