“CapitaleMessina, convinto, sceglie Bramanti”. Gabriele Siracusano Art. Uno: “Cambiate slogan associativo”

“Dopo anni di impegno a elaborare progetti, idee, ad avanzare critiche e proposte, per noi è arrivato il momento di scendere in campo, ed abbiamo deciso di farlo accanto a Dino Bramanti, con cui con-dividiamo una comune visione sugli obiettivi, ma anche sulle modalità, per ridare una prospettiva di sviluppo alla nostra città”. Ecco come si impegnano il presidente e il vicepresidente del Movimento CapitaleMessina, Pino Falzea e Gianfranco Salmeri.

“Anche noi siamo fortemente convinti e questo è il principio fondativo del nostro Movimento, che per far risorgere questa città sia necessario che la società civile, i cittadini, debbano mettersi in gioco; ed il momento di farlo è arrivato. È giunto il momento delle scelte, ed a questa sfida non vogliamo e non possiamo sottrarci. Lo dobbiamo alla città ed a tutti coloro che hanno creduto in noi”.

“Non stiamo scegliendo una parte politica, questo ci teniamo a chiarirlo, anche se riconosciamo ai partiti che sostengono Bramanti generosità e lungimiranza nell’aver deciso di fare un passo indietro. Ma abbiamo, invece, deciso di aderire al progetto politico con maggiori caratteristiche di civismo, e rappresentato da una figura autorevole e credibile, con una storia personale fatta di impegno sociale e successi professionali. Competenza, efficienza, trasparenza, partecipazione, e soprattutto autonomia dai partiti che lo sostengono, saranno le parole d’ordine del progetto politico di Bramanti”.

Il Movimento è certo che le coordinate daranno la determinazione e la passione per un obiettivo ambizioso: far rinascere Messina.

“Capitale Messina si schiera ufficialmente, con ‘convinzione’ a fianco del candidato sindaco Bramanti. Nulla di male. Bastava dirlo subito però, invece di spacciarsi, in tutti questi anni, per un laboratorio di idee indipendente dai partiti e dalla politica attiva, come si legge anche sul sito dell’associazione”. Questo è l’intervento di uno degli esponenti di Articolo Uno, Gabriele Siracusano, nonché ex candidato alla Camera per Leu.

“Bastava dire che le idee e le proposte della Destra sono le loro. Non c’è nulla di male nel parteggiare per un candidato. Però sarebbe opportuno cambiare o forse addirittura cancellare “la dichiarazione dei principi” che appare sempre nel sito dell’associazione. Se non altro per rispetto ad Altiero Spinelli, al cui sogno europeo ci si vorrebbe ispirare, che se sapesse che in nome suo si fa campagna elettorale per i candidati di Salvini e Meloni si rivolterebbe nella tomba”.

“E poi sarebbe giusto spiegare come si può parlare, come scritto sempre nella “dichiarazione dei principi” della “libera” associazione Capitale Messina “di tolleranza, di accoglienza, di rispetto delle diversità, che le differenze di razza e di religione sono una ricchezza, che si è contro il liberismo sfrenato, che si ha rispetto delle diversità, si è a favore della scuola pubblica, ecc. ecc. ecc.” stando a DESTRA con Salvini Berlusconi e Meloni ??!!!! Insomma cari amici di Capitale Messina…a parte la confusione, bastava dirlo subito”.

Condividi