Debutta al Clan off Teatro la regista messinese Adriana Mangano, in scena con lo spettacolo Kean

Ancora un grande spettacolo sul palco del  al Clan Off Teatro. Sabato , alle ore 18.30 e in replica alle 21.30 e domenica  alle ore 18.30, andrà in scena,  in prima nazionale, “Kean”, spettacolo diretto dalla giovane regista messinese Adriana Mangano, con Alessio Bonaffini, costumi di Liliana Pispisa. Lo  spettacolo è ispirato ad un  testo di Raymund FitzSimons, dedicato all’attore inglese Edmund Kean: “Edmund Kean è stato uno tra i più importanti attori inglesi di inizio ottocento. Nato da un’attrice, cresciuto da uno zio drammaturgo, entrò presto in contatto con quel surreale luogo chiamato teatro, esordendo in palcoscenico a soli quattro anni.

A ventisette sostituiva gli attori più famosi d’Inghilterra risollevando le sorti del teatro Drury Lane e si apprestava a raggiungere l’apice del successo. La sua vita, segnata da una condotta sregolata e piena di eccessi, fu vissuta al perseguimento di un obiettivo, al compimento della missione alla quale si era consacrato sin da ragazzo. Abbiamo provato ad individuare cosa, di Kean, ci interessasse raccontare ancora oggi e ci siamo imbattuti in quel conflitto che imperversa sulla vita di noi uomini contemporanei, figli di questi tempi: da un lato l’ambizione, il desiderio di raggiungere quel qualcosa che ci fa battere il cuore per il quale crediamo di essere trionfalmente predestinati, dall’altro la necessità di dover far fronte a quei reclami della vita quotidiana, alle incombenze che la società ci chiede di ottemperare per essere in qualche modo “giusti” per questo mondo: un lavoro stabile, una famiglia da accudire, bollette da pagare, case da comprare. Abbiamo lavorato sul modo in cui questo conflitto interferisce su chi si trova a doverlo affrontare adoperando delle scelte, arrivando a quelle persone che, loro malgrado, si ritrovano a subire gli effetti di questa intima lotta (congiunti, amici), schiacciate tra speranza e rassegnazione. Certo, il percorso che porta alla risoluzione può essere lungo, dannatamente deprimente e oppressivo, ma quando se ne viene a capo, raggiungendo il proprio obiettivo, il soddisfacimento dei piaceri primordiali, la vita ha tutto un altro sapore. Sacrificare il proprio talento sull’altare del bisogno o reclamare in tutti i modi ciò che ci spetta? Questa la domanda che vogliamo lasciare al pubblico”.

Ancora una volta le emozioni corrono sulle assi di un palcoscenico travolgendo il pubblico con le sue storie.

Condividi




Change privacy settings