Bando assegnazione assistenza disabili, Cgil diffida Commissario su revoca. Irricevibile step deputati per Albo

Alla convocazione del Commissario della CittĂ  Metropolitana Calanna per discutere del bando di assegnazione servizio assistenti all’autonomia e comunicazione, la CGIL risponde diffidando il reggente di Palazzo dei Leoni su eventuale revoca e dice “No” alla gestione in nero, alla presenza dei parlamentari Amata e Catalfamo.

 
.Duro il commento della CGIL alla richiesta di revoca del bando  avanzata da alcune associazioni  e dei deputati Amata e Catalfamo . “Non permetteremo – hanno detto Clara Crocè e Giselda Campolo, rispettivamente Segretaria Confederale e Segretaria Generale del Nidil di Messina –  il ritorno alle precedenti e illegali metodologie d’impiego del servizio . Gli operatori lavoravano e lavorano in nero o tramite il contratto di prestazione occasionale che, in base a Job’s Act e normativa seguente, è inapplicabile. Alcune scuole si sono rifiutate di assumersi il rischio e applicare un contratto illegale. Per l’intero anno scolastico gli operatori si sono ritrovati a prestare le loro attivitĂ  senza ricevere compenso, salvo vedersi accreditare un bonifico, a prestazione ultimata, direttamente dalla CittĂ  Metropolitana, con causale “per il servizio di assistenza all’autonomia e alla comunicazione”. Dopo diversi incontri con l’Ente ci è stato chiarito che potesse intercorrere il rapporto lavorativo tra le famiglie e l’operatore ma si tratta di chiara interposizione fittizia di manodopera. Non è stato instaurato nessun rapporto di lavoro all’INPS, con relativa produzione di UNILAV, come risulta dalla verifica effettuata dalla CGIL su alcuni lavoratori. Tale situazione ha fatto sì che la CittĂ  Metropolitana, la quale dovrebbe essere modello nel perseguire la legalitĂ  e l’applicazione delle normative vigenti, ha favorito e avallato il lavoro nero, mettendo anche a grave rischio vertenziale le famiglie dei ragazzi beneficiari del servizio. Infatti, il lavoratore non è in alcun caso dipendente della famiglia. L’accordo trilaterale fatto firmare a famiglie, operatori e scuole non può certamente qualificarsi come contratto di lavoro e non fa riferimento ad alcun CCNL, restando una semplice scrittura privata fra le parti.

La pubblicazione del bando di gara rappresenta un primo passo per legalizzare la situazione e ridare dignitĂ  al lavoratore e qualitĂ  del servizio alle famiglie, atteso che l’applicazione degli articoli 12 e 13 del capitolato speciale d’appalto prevedono delle “periodiche verifiche e controlli sul servizio acquisito nell’ambito dell’appalto. In particolare i controlli dovranno essere effettuati direttamente dalla CittĂ  Metropolitana in collaborazione con la scuola interessata e riguardano sia gli assetti organizzativi del servizio, delle prestazioni concordate e dei livelli di resa del servizio”. Inoltre l’Ente appaltante può effettuare verifiche sulla soddisfazione degli utenti del servizio appaltato o affidato. L’articolo 13, per giunta, prevede penalitĂ  in caso di inadempienze dell’appaltatore.

“In nessun ente pubblico o privato l’utente ha facoltĂ  di scelta del personale adibito allo svolgimento del servizio. Ciò è a tutela delle stesse famiglie dal momento che farĂ  capo all’ente e alla cooperativa la verifica dei requisiti previsti dal servizio. Per giunta, una procedura che non rende la famiglia responsabile della scelta evita anche che si possano verificare favoritismi e forme di ricatto e soggezione dalle parti che mettono in contatto operatori e famiglie a scapito del servizio da fornire al disabile.

“Anche la proposta avanzata dal legale dei due deputati messinesi della istituzione dell’albo e del relativo accreditamento è irricevibile – continuano Crocè e Campolo -. Gli assistenti all’autonomia e alla comunicazione non hanno e non devono avere nessun albo professionale. Non esiste un loro Ordine professionale e non sono lavoratori autonomi che con una partita iva dedicata possono aprire uno studio privato. Sono per costituzione figure professionali dipendenti; costrette a prestare la loro attivitĂ  lavorativa in una struttura scolastica che tra l’altro, nella maggioranza dei casi è pubblica. Sono costrette a lavorare con orari rigidi e la loro attivitĂ  risponde a tutti i criteri di subordinazione stabiliti dalla normativa.  Inspiegabile la reiterata invocazione delle linee guida ANAC dal momento che proprio l’AutoritĂ  Nazionale Anticorruzione non fa altro che affermare l’obbligatorietĂ  di assegnare i servizi tramite bando pubblico proprio a garanzia di una trasparenza che finora non è stata parola chiave nella erogazione del servizio.

Siccome il pubblico può avere dipendenti solo selezionati tramite pubblico concorso. In questa fase non solo si deve fare un bando per cooperative ma si deve spostare la discussione sugli altri due tavoli di pertinenza: uno nazionale, per richiedere al ministero una procedura di internalizzazione, e uno regionale perchĂ© i finanziamenti dedicati al servizio possano arrivare prima dell’inizio dell’anno scolastico permettendone la partenza concomitante. In questi e in tutte le manovre necessarie, politiche e legali, la CGIL conferma la sua presenza.

Foto Rocco Papandrea

Condividi




Change privacy settings