Consuntivo, Gioveni: 'Se saltasse piano assunzioni l'amministrazione sarebbe politicamente responsabile'

redstage

Consuntivo, Gioveni: 'Se saltasse piano assunzioni l'amministrazione sarebbe politicamente responsabile'

giovedì 14 Dicembre 2017 - 15:20
Consuntivo, Gioveni: 'Se saltasse piano assunzioni l'amministrazione sarebbe politicamente responsabile'

Sarebbe davvero una beffa, frutto però di una grande irresponsabilità politica di questa Amministrazione, se il piano triennale delle assunzioni, specie per i 23 agenti concorsisti della polizia municipale, non venisse approvato dalla Commissione ministeriale che si riunisce oggi a Roma!”. Così il consigliere comunale Libero Gioveni, che aveva votato in via del tutto eccezionale a favore del Consuntivo 2016 al fine di consegnare al Ministero per l’appunto l’atto finanziario approvato per il via libera delle assunzioni in questione.
“Non si può accettare il fatto – spiega Gioveni – che l’Amministrazione rischi così tanto esitando solo ieri il Bilancio Consolidato, anch’esso richiesto dalla Commissione, specie se si pensa che la normativa che ha introdotto il Consolidato risale addirittura al 2011, non dando la possibilità e il tempo materiale al Consiglio Comunale di esaminarlo munito del parere del Collegio dei Revisori e poi di approvarlo! Anzi proprio l’Aula, seppur non nella sua interezza, ha fatto stavolta dei salti mortali per approvare il Consuntivo, nonostante l’ultimatum del Commissario ad acta scadesse il 31 dicembre e con gli stessi Revisori che responsabilmente anch’essi non si sono presi tutti i 20 giorni di tempo che la legge concede loro per il rilascio del parere!
Queste cose vanno dette chiaramente alla città e agli stessi lavoratori quegli stessi lavoratori che hanno assistito anche alle “forzature” che ha fatto la stessa Commissione Bilancio votando anche eccezionalmente una inversione dell’ordine del giorno per incardinare il Consuntivo 2016, per altro incompleto perché non era ancora munito del parere del Collegio e persino anche senza averlo nemmeno formalmente tra i banchi! E adesso mi si viene a dire che probabilmente il Ministero considererà cartastraccia il piano delle assunzioni perché manca il Consolidato? Tutto questo è assurdo e inaccettabile! Il Segretario Generale aveva assicurato che la Commissione romana avrebbe comunque accolto il piano delle assunzioni riservandosi di acquisire in un successivo momento il Bilancio Consolidato approvato!
Se la Commissione darà esito negativo al piano, – conclude Gioveni – questa Amministrazione dovrebbe soltanto, oltre che vergognarsi, anche nascondersi per il grave danno creato alla città e a dei padri di famiglia che avevano già in mano un lavoro!”.