Onde Sonore 3, Caronte & Tourist firma intrattenimento “navigato” per un mese intero dal 7

L’evento natalizio, firmato Caronte & Tourist, “Onde sonore” sta per arrivare anche quest’anno nell’edizione 2017-2018, preannunciando interessanti conferme e novità da vivere a bordo della nave Telepass. La manifestazione all’insegna della musica e della solidarietà si svolgerà dal 7 dicembre al 6 gennaio sul palco allestito nel salone principale dell’ammiraglia della flotta in navigazione tra le due sponde dello Stretto di Messina e sarà una lunga maratona d’intrattenimento dalle 17,20 alle 22 grazie alle band più trendy del panorama siciliano e calabrese.

A presentare le caratteristiche e i protagonisti di questo intenso mese è stato il responsabile della comunicazione della società privata Tiziano Minuti, il presidente del gruppo armatoriale Antonino Repaci e il prof. Giuseppe Vita del Policlinico Universitario, primario di Neurologia, in rappresentanza del Centro Clinico Nemo Sud, a cui i fondi delle serate saranno devoluti. Caronte & Toursit raddoppierà la cifra incassata per favorire il beneficiario.

Dopo il successo delle due precedenti organizzazioni, la kermesse sfodera un ampio contenitore di professionisti: il primo appuntamento si aprirà con i Big Mimma, gruppo messinese dal sound unico mixato a rock, reggae, folk, cantautorato e testi in dialetto con una forte attitudine alla canzone come “cuntu”, come esperimento di immaginazione e realtà.

Il 14 dicembre sarà la volta del frizzante repertorio dei “Qbeta”, gruppo siracusano di respiro internazionale le cui hits sono state e sono in cima alle playlist trasmesse delle più gettonate radio italiane.

Il 19 dicembre a risuonare nel salone della Telepass saranno le melodie di “Rosalba Sgrò band”, progetto creato e gestito dal noto chitarrista messinese Daniele Paone con lo scopo di proporre un nuovo ritmo che spazia dal Surf alla New Wave.

Il 22 dicembre toccherĂ  ai “Soul Pains”. Soul, funk, acid jazz, le armonie di questa band formatasi nel 2099 a Reggio Calabria e considerata dalla critica come una delle piĂą originali nello scenario musicale del Sud Italia.

Il 28 dicembre si esibiranno i “Ka Jah City”, gruppo messinese che è l’esempio di come culture musicali differenti possono fondersi e crearne una nuova. Sintetizzando la parte piĂą nobile della musica popolare vengono catalogati come “la nuova frontiera della musica siciliana”.

“Onde Sonore” entrerĂ  nel 2018 con il cuore etneo de “I Cantustrittu” che saranno le stars del 2 gennaio. Band peloritana dai ritmi popolari si esprime con le antiche e malinconiche melodie della fisarmonica e la passione del tamburello.  Si è fatta giĂ  apprezzare lo scorso anno e coniuga tradizione non solo musicale e innovazione.

A chiudere la rassegna, il 4 gennaio, una realtĂ  di riferimento nella scena del new reggae style: i “Marvanza”. La loro musica risente delle contaminazioni della natura mediterranea e ha garantito alla band l’accreditamento nella dimensione nazionale. Minuti dice di loro: “Li abbiamo sentiti suonare a Rimini. Ci hanno folgorato in un fesival sulla spiaggia. Sono originari di Monasterace”.

Non poteva mancare una parte dedicata ai piccini, il 23 e all’Epifania, con due Feste show. Giochi, travestimenti, e molto altro per due giornate dove il fulcro sarĂ  il Natale dei bimbi e le loro famiglie.

Poi, c’è anche uno sponsor etico della manifestazione di iniziativa pubblica che è “Posto occupato”. L’anima è Maria Andaloro che non ha potuto partecipare ma che ha mandato il Posto occupato come simbolo di una donna vittima di violenza. “Ci tocca nel profondo” – commenta ancora Minuti.

Il prof. Vita racconta invece com’è nato NeMo Sud 5 anni fa su iniziativa di 4 associazioni che hanno spinto per la creazione di altri centri in tutta Italia. Il quinto alle Molinette di Torino. La struttura assiste pazienti con patologie neuromuscolari con la presa in carico totale. “Sono stati anni di sfida – chiarisce il primario – seguendo piĂą di 2000 casi tra Sicilia e Calabria. Le malattie croniche e invalidanti che vengono trattate in un sistema pubblico – privato. Grazie alle raccolte fondi di questo quinquennio, abbiamo compiuto dei lavori e adesso li stiamo completando. Disponibili 10 posti letto a cui se ne aggiungeranno presto altri 10 sempre al 4° piano del Pad. B. Intitoleremo una stanza a Caronte & Tourist che invitiamo alla inaugurazione a gennaio”.

La spesa complessiva ammonta a 250mila euro ma si sono alternati i donatori ad esempio l’associazione Amici di Edy di Maurizio Guanta avrĂ  un’altre stanza, il gruppo Bernava ne avrĂ  altre due. Ogni stanza costa 16mila euro.

Foto Rocco Papandrea        

Condividi




Change privacy settings