Assessori regionali, “Territorio messinese va rispettato senza delegittimarlo con casi giudiziari”

Al neo Presidente della Regione Siciliana Musumeci “preoccupano i conti non gli assessori”. Assolutamente condivisibile: abbiamo qualche preoccupazione anche sugli assessori. Diciamolo chiaramente: non vorremmo che le vicende giudiziarie che hanno sconvolto il clima post-elettorale nella nostra città comportino un danno in termini di rappresentatività politica del territorio messinese. Questo non lo si può permettere. A puntualizzarlo è il documento di CapitaleMessina, firmato da Gianfranco Salmeri.

“La nostra preoccupazione è che altri territori regionali sfruttino la situazione per delegittimare una intera città, per ottenere posizioni politiche di vantaggio – enuncia la nota -. Messina e provincia hanno dato un contributo determinante per la vittoria di Musumeci, non bisogna dimenticarlo e la città non merita di essere penalizzata”.

È assolutamente necessario che in Giunta regionale la città metropolitana di Messina sia ben rappresentata, come è rappresentata in Assemblea regionale dove sette deputati su 36, quasi un quinto quindi, della maggioranza di governo sono messinesi.

Scelte che dovessero contraddire il diritto della nostra città di avere il peso politico che le spetta, nel prossimo Governo regionale, non sarebbero né giustificate, né comprese dai cittadini.

Non è per campanilismo, ma quando si prenderanno decisioni che direttamente od indirettamente ci riguardano, vorremmo che al tavolo ci fosse qualcuno che garantisca i nostri interessi e siamo sicuri che il Presidente Musumeci potrà individuare più di un messinese con un profilo politico o professionale tale da non sfigurare nella prossima Giunta regionale

Ci auguriamo che altre voci dell’opinione pubblica messinesi si aggiungano alla nostra, per evitare ulteriori mortificazioni del nostro territorio.

Condividi