Messina di nuovo al Celeste per preparare la trasferta di Palmi

A poco meno di settimana di distanza dall’affermazione casalinga sull’Ebolitana, il Messina prosegue nella preparazione del match contro la Palmese, attualmente al sedicesimo posto in classifica a quota 8 punti. In realtĂ  i punti dei calabresi sarebbero 13 (proprio come quelli del Messina), frutto di tre vittorie e quattro pareggi, ma a causa di alcuni mancati versamenti di somme accertate dal Collegio Arbitrale – nello specifico al portiere Salvatore Nania (2015-16) ed agli ex allenatori Alfredo Tedesco e Rosario Salerno – il TFN ha inflitto una penalizzazione di 5 punti complessivi.

Il Messina, che nella giornata di oggi dovrebbe svolgere la consueta partitella in famiglia, dovrà fare sicuramente a meno del difensore Francesco Bruno: mister Modica spera di riaverlo a disposizione prima della sosta natalizia, ma l’ex Melfi potrebbe anche tornare con l’arrivo dell’anno nuovo. Anche Cassaro (infortunato) e Bucca (squalificato) non saranno nella lista dei convocati per Palmi, quindi al centro della difesa ci sarà ancora spazio per Colombini, entrato in diffida dopo l’ammonizione di domenica scorsa. Resta viva qualche chance di rivedere in campo Migliorini, in ripresa dalla fascite plantare, mentre Prisco, già in panchina contro l’Ebolitana, contende una maglia da titolare a Meo. Nel frattempo, l’estremo difensore Fabio Rinaldi, classe ’98, è giunto in riva allo Stretto e sta sostenendo un periodo di prova. In caso di tesseramento completerebbe un pacchetto di portieri composto interamente da elementi under.

Oltre al buon momento a livello di risultati sul campo, la società del presidente Sciotto può “brindare” anche per il ritorno al Celeste, già utilizzato nella giornata di ieri. Al termine dell’incontro del PalaCultura tra il presidente, l’assessore comunale allo sport Sebastiano Pino e il dirigente del Dipartimento Sport Salvatore De Francesco, le parti hanno raggiunto un accordo in base al quale sarà direttamente il Comune a stipulare un nuovo contratto con l’Enel. Quello vecchio fu disattivato circa un mese fa in seguito ad un’indagine della magistratura, che ha manifestato l’esistenza di alcuni allacci abusivi. Nel frattempo gli allenamenti sono stati effettuati con l’ausilio di un gruppo elettrogeno procurato dalla società. In più si va verso la concessione esclusiva del Franco Scoglio, mentre l’impianto di Via Oreto, che verrà sfruttato per gli allenamenti della prima squadra e delle giovanili, potrebbe essere impiegato anche da altre società.

 

Foto di Rocco Papandrea

Condividi