Servizio disabili Stazione, Bonfiglio e Mucciardi: Rfi disponga inserimento lavoratori siciliani

“La Stazione appaltante ‘Rete Ferroviaria Italiana’ faccia immediatamente rispettare le regole alla Coopservice di Reggio Emilia, inserendo i lavoratori siciliani che, seppure in protesta per l’esclusione dalle previste assunzioni, con grande senso di responsabilità ed umanità in questi giorni si stanno presentando lo stesso alla stazione ferroviaria di Messina e hanno assistito la clientela diversamente abile o non autosufficiente”. Così, i Consiglieri della IV e V Circoscrizione di Palazzo Zanca Santino, Bonfiglio e Francesco Mucciardi, rafforzano la denuncia pubblica del sindacato di base OrSa appellandosi sempre al gruppo imprenditoriale.

La Coopservice di Reggio Emilia, subentrata alla Coopserver Calabria nell’appalto commissionato da Rfi che comprende l’assistenza alle Persone con Mobilità Ridotta, ha spezzato il filo di reclutamento dei 7 siciliani specializzati e vuole effettuare il delicato servizio di assistenza con personale proprio, che non si è mai occupato di questa funzione, tagliando gli impiegati che operavano dal 2013 con adeguata formazione e che hanno anche fatto registrare un alto livello di gradimento nelle interviste alla clientela per la qualità dell’attività svolta.

“Reputiamo tutto ciò gravemente ingiusto – dicono Bonfiglio e Mucciardi da rappresentanti istituzionali messinesi – e chiediamo ufficialmente che l’ente pubblico Rete Ferroviaria Italiana faccia reinserire al più presto i suddetti lavoratori siciliani (come da fonti sicure, pare che dopo questa lotta verrà fatto), mantenendo però anche gli stessi livelli di inquadramento, mansioni e retribuzione, nel rispetto della clausola sociale prevista dal CCNL Art. 16 delle attività ferroviarie e appalti, siglato nel 2017!”.

Condividi