Messina sdegnata da Delrio, Santalco: Pd si schieri su Authority. Accademici pro riforma

A Messina non c’è l’ombra di una pianificazione nazionale, collegata al potenziamento della portualità. Eppure la vocazione elettiva del territorio dovrebbe essere quella che sfrutta la via del mare con tutte le sue peculiarità ancora inviluppate nel ridimensionamento dei trasporti, tra navi e treni.

“Il Centrosinistra, con in testa gli onorevoli Ardizzone e Garofalo, ha sponsorizzato, insieme al Sindaco Accorinti, l’accorpamento di Messina con Gioia Tauro dichiarando pubblicamente che questioni tecniche, economiche e logistiche vedevano nel nuovo sistema portuale, collegato alla Calabria, l’unica possibile soluzione per non veder emarginato il ruolo della città”. A farlo notare è il Capogruppo consiliare di Felice per Messina, l’avvocato Giuseppe Santalco, che sintetizza come l’intero comprensorio, da oltre un anno, dopo l’avvio delle AutoritĂ  di Sistema, sia stato del tutto abbandonato dal Governo centrale, se non per proclami puramente partitici.

“In Consiglio Comunale – ricorda Santalco -, abbiamo sollecitato con un ordine del giorno la soluzione di un’Area Integrata dello Stretto come possibile tipicitĂ  per i nostri luoghi. Oggi, coloro che hanno fatto parte della Commissione Ministeriale, all’uopo istituita, sono silenti, anzi sono impegnati in prima persona nella competizione regionale elettorale ed alcuni docenti universitari sempre pronti a supportare la riforma Delrio non intervengono per denunciare il danno che il ministro ed il Pd stanno procurando a Messina”.

Il consigliere fa presente che quest’ultima non solo non ha ottenuto il decreto per ottenere autonomia amministrativa all’interno dell’AutoritĂ  di Sistema, ma fra l’altro non è destinataria di una ‘Zona Economica Speciale’. Ed il Sindaco non mette in campo pubblicamente un forte impegno per salvaguardare il ruolo strategico dello Stretto.

“Il Ministro Delrio snobba la nostra cittĂ  e pontifica lo sviluppo di Palermo e Catania – analizza il capogruppo -, mandando a Messina solo il suo plenipotenziario Sottosegretario De Vincenti che viene a Messina per fare campagna elettorale al Pd ed una passerella in Prefettura per quanto riguarda il Masterplan”.

A nulla è servita la richiesta di Santalco al Sindaco Accorinti di non partecipare, con uno scatto di orgoglio, agli incontri organizzati ieri in cittĂ , stigmatizzando formalmente il comportamento omissivo del Ministro Delrio. C’è l’attesa di una presa di posizione chiara del Pd messinese sull’attuale stallo attinente l’AutoritĂ  di Sistema e la previsione di una terza Zes in ambito regionale.

Foto Rocco Papandrea

Condividi




Change privacy settings