CapitaleMessina: ‘Con la soppressione dell’authority, Messina rischia la propria ZES’

L’autorità portuale di Messina rischia seriamente di essere tagliata fuori dai benefici previsti dall’istituzione delle ZES, ovvero le zone economiche speciali che consentono alle aree portuali beneficiarie di questo strumento di ottenere numerose agevolazioni in termini di sgravi fiscali e semplificazioni amministrative, al fine di consentire lo sviluppo delle imprese del territorio. Infatti, a seguito dell’accorpamento dell’authority messinese a quella di Gioia Tauro, molto probabilmente a beneficiare delle ZES, le quali possono essere presenti nel numero massimo di due per regione, saranno i poli di Palermo e Catania-Augusta.

In tal senso, parecchio allarmata si mostra l’associazione politica CapitaleMessina, che in un documento a firma del portavoce Gianfranco Salmeri ha affermato: “I nodi continuano a venire al pettine. Ci riferiamo alla questione dell’accorpamento della nostra Autorità portuale con quella di Gioia Tauro, i cui vantaggi saranno tutti da dimostrare in futuro, mentre i danni li stiamo già verificando”.

“Ciascuna ZES – prosegue Salmeri – verrà istituita dal Governo su proposta del presidente della regione interessata e, come recita il decreto, avrà un Comitato di Gestione presieduto dal Presidente dell’Autorità portuale, che si avvale del Segretario Generale dell’Autorità portuale per l’esercizio delle funzioni amministrative. Appare ovvio che la sede della ZES coinciderà con la sede di una Autorità portuale esistente. Ed infatti sembra certo che le due ZES siciliane saranno allocate a Palermo e Catania-Augusta, sedi, per l’appunto, di Autorità portuale.

Inoltre non crediamo possibile che la Regione Calabria, andando contro i propri interessi, vorrà estendere i limiti della ZES di Gioia Tauro al territorio messinese. Quindi le speranze che Messina possa beneficiare di tale provvedimento sono ridotte al lumicino.

In ogni caso è giusto non arrendersi e fare pressione sui vari livelli politici, da quello regionale al nazionale. A tal fine è stata lodevole l’iniziativa di Sicindustria, e della Camera di Commercio di Messina, subito condivisa dai sindacati, di promuovere un incontro per difendere l’istituzione della ZES a Giammoro. Così come apre qualche spiraglio il parere della Commissione Trasporti della Camera che, su impulso dell’onorevole Garofalo, invita ‘l’Esecutivo ad applicare in maniera più estensiva le norme sulla ZES’. 

Nella stessa misura è da sostenere l’emendamento proposto dalla Giunta Accorinti per la modifica della norma del Decreto legge 91, che prevede un numero massimo di due aree per regione. Tuttavia, l’emendamento, che ha l’obiettivo di consentire una terza ZES siciliana a Messina, propone l’istituzione di ZES ‘anche in deroga al numero massimo previsto dal comma 4-bis, per aree che presentino un nesso economico funzionale con un’area portuale di grande rilevanza… purché ricadente in territorio di Città Metropolitana sede di Autorità Portuale‘. Quindi anche in questo caso la condizione necessaria è che Messina sia sede di Autorità portuale.

Tutto quanto detto conferma, ancora una volta, quanta importanza abbia la battaglia per la sopravvivenza dell’Autorità portuale di Messina. Ma i fatti dimostrano che non lo si è mai compreso sufficientemente”.

Condividi




Change privacy settings