Chiusa Casa di riposo Zuccaro, FpCgil: Coop assumerĂ  in base a ricoveri. Serve elenco

La Regione e l’Asp Messina ne hanno disposto la chiusura, a seguito di un sopralluogo che aveva ravvisato carenze strutturali ed igienico-sanitarie nell’ambito dell’allora ente gestore. Si tratta della Casa di Riposo “Carlo Zuccaro” di Taormina, in cui, ieri pomeriggio, si è svolto l’incontro tra la nuova gestione e la FpCgil per l’avvenuta decisione sulla struttura. A partecipare all’incontro Clara Crocè, Segretaria Generale FpCgil Messina, Gianluca Gangemi responsabile del comparto e per “Villa Erminia” la dr. ssa Labisi e l’avv. Valenti.

La FpCgil ha rappresentato la necessità di tutelare i livelli occupazionali ai sensi dell’art. 37 del CCNL, la Labisi e l’avv. Valenti hanno spiegato che la “Villa Erminia Srl” si è fatta carico di ingenti lavori di restauro della struttura mentre la gestione assistenziale è stata affidata alla Società cooperativa “XXI Aprile”, la quale si impegna ad assumere il personale gradualmente secondo il numero degli assistiti e a completamento dei reparti .

La Labisi ha spiegato che in atto sono stati assunti soltanto 3 OO.SS, in quanto in struttura vengono assistiti soltanto 14 anziani e, nella zona dell’immobile già restaurata, possono trovare assistenza, attualmente, soltanto 20 anziani, pertanto il personale potrà essere assunto secondo il numero dei ricoveri.

Ha fatto presente che, da parte del Comune, non è pervenuto alcun elenco del personale precedentemente impegnato in questo servizio. La FpCgil ha quindi evidenziato che sono stati sottoscritti degli accordi con l’Amministrazione Comunale di salvaguardia dei livelli occupazionali. Lo stesso management dovrà necessariamente fornire l’elenco perché ha promesso di assicurarli e così dovrà essere.

“Inoltre – hanno dichiarato Crocè e Gangemi -,  la Funzione Pubblica della Cgil richiederà al Comune un incontro da tenersi nella prima decade del mese di settembre con il Sindaco Eligio Giardina, per fare il punto della situazione in merito all’avanzamento dei lavori, il numero degli assistiti affinché possano essere assunti i lavoratori”. La Labisi si è impegnata ad assumere il personale di cui all’elenco non appena le sarà concesso.

Condividi




Change privacy settings