Matrimoni con rito civile, Odg per sposarsi in location alternativa al Palazzo

Avere la possibilità di sposarsi con il rito del matrimonio civile in una location differente da quella delle mura di Palazzo Zanca. È l’ordine del giorno presentato alla giunta Accorinti da ventitré consiglieri comunali.

“Oltre a lasciare alle coppie la facoltà di decidere il luogo dove pronunciare il fatidico sì – ha spiegato il rappresentante della Fiepet-Confesercenti, Andrea Ipsaro Passione, che ha partecipato alla presentazione dell’ordine del giorno – questa apertura all’esterno del matrimonio civile rappresenterebbe una chance ulteriore per quegli imprenditori le cui strutture ricettive e ricreative si prestano per rendere unico uno dei giorni miliari della propria vita. Si tratta indiscutibilmente di una strada in via di sviluppo e non sarebbe poi una rara deroga quella che eventualmente il Comune di Messina attuerebbe concedendo alle coppie di uscire fuori da Palazzo Zanca.

All’interno dello stesso perimetro della Città Metropolitana esistono Comuni che già contemplano la possibilità di estendere la location dello scambio delle fedi fuori dalla casa comunale. Penso ad esempio alla vicinissima Milazzo ed ecco perché con questo ordine del giorno, firmato da 23 consiglieri comunali, vorremmo suggerire all’Amministrazione di riflettere su questa possibilità e renderla concreta nell’interesse dei molti imprenditori attivi sul territorio, oltre che per assecondare le richieste delle coppie che avrebbero così la facoltà di decidere cosa ritengano ideale per un giorno che rappresenta, nell’immaginario collettivo, il più importante della vita”.

Condividi