Nozze civili, all’insegna dell’American Style. “Istituiamo sedi di pregio per sposarsi”

In pieno stile londinese o americano si punta ad emulare i matrimoni al di fuori della casa comunale anche nella città dello Stretto. Chi vuole celebrare uno dei giorni più belli della propria vita (dipende sempre dalle prospettive ed aspettative!) in strutture ricettive di particolare pregio storico, architettonico, ambientale o artistico e comunque in luoghi diversi dal Palazzo municipale potrebbe farlo un domani non troppo lontano con un preciso atto di Giunta comunale ove, a seguito di una manifestazione d’interesse, ne sussistano i requisiti di legge. Ad impegnare il sindaco Accorinti nella richiesta di individuare queste sedi elettive per le nozze sono i consiglieri comunali di Sicilia Futura il Capogruppo Nino Carreri, Nino Interdonato, Rita La Paglia e Santi Sorrenti.

Il gruppo consiliare politico illustrerà domattina in conferenza stampa, nella saletta commissioni del Comune, i dettagli della proposta. La celebrazione di Matrimoni di Rito civile dovrebbe avvalersi di luoghi istituiti per questo scopo quindi separati uffici di stato civile presso locali di proprietà privata che ne abbiano la disponibilità giuridica, con cui verrà sottoscritto atto di comodato d’uso gratuito a favore dell’Ente e nel rispetto delle condizioni, tariffe e modalità meglio esplicitate con successive deliberazioni di Giunta Municipale/Determinazioni dirigenziali.

Per attuare questo, i quattro consiglieri chiedono anche di dare mandato al dirigente del Dipartimento dei Servizi al Cittadino di attivare ogni successiva fase istruttoria per la procedura per il riconoscimento delle proprietà private e infine formare un “Elenco ad hoc”. Si dovrà emanare un avviso pubblico per manifestazione d’interesse da pubblicare sul sito internet comunale e stipulare il contratto di comodato d’uso una volta verificata l’istruttoria.

Infine, si potrà collegare l’opportunità di contrarre matrimoni ad una specifica tariffazione per rimborsi di personale necessario per l’espletamento del servizio.

Condividi