Caos rifiuti, Task Force assalirĂ  zone piĂą critiche tra viale Giostra e SS 114

Cinque sono le aree di “maggiore crisi” ovvero viale Giostra, Circonvallazione, Torrente Trapani, Gravitelli e SS 114 identificate e circoscritte per “aggredire” la raccolta rifiuti. E per “assaltare” le prime zone di crisi, come la sporcizia ha assaltato la cittadinanza peloritana, si seguirà una tabella di marcia, stilata ieri sera nel corso del dibattito dell’Unità di crisi e programmazione che deve risolvere nel più breve tempo possibile la questione dell’immondizia che si accumula per strada.

Il piano delle manovre da compiere è emerso nel summit tecnico di ieri, nella sede dell’assessorato Ambiente, in cui sono state servite sul piatto le competenze della squadra per approntare altri metodi di raccolta rifiuti in città. Bisognava partire dall’esame obiettivo dell’efficacia degli interventi già assunti per provvedere ad altre azioni in corso o ad altre da imbastire. Raccolta rifiuti indifferenziati, raccolta ingombranti, disinfezione, spazzamento e programmazione servizi sono stati i passaggi focali per distribuire le attività.

La società Messinambiente, per competenza acquisita, ha stabilito di guidare la riorganizzazione del caos con a capo il funzionario Natale Cucè (spostato a questa mansione dal Commissario Calabrò), che ha richiesto il supporto della Task Force, formata da lavoratori provenienti da vari settori. Questo gruppo fornirà sostegno alle operazioni di rimozione spazzatura ed arriverà a raccoglierla anche a mano, pur di annientare le micro-discariche e ad effettuare fasi di rifinitura per togliere il pattume intorno alle postazioni. Bob-cat ed autocompattatori bonificheranno i punti più abbondanti di immondizia che versano nelle condizioni peggiori.

Questo sistema verrà replicato nelle altre aree critiche. Nota dolente, i rifiuti ingombranti: il guasto di alcuni mezzi aveva impedito di garantire una raccolta più costante delle suppellettili abbandonate in maniera abusiva accanto ai cassonetti e sui marciapiedi. Da stamani, tutti i mezzi utili per la raccolta sono di nuovo in funzione, che dovrebbero così a breve riportare alla normalità l’eliminazione degli ingombranti per la quale, si ricorda che esiste il servizio a chiamata al numero verde 800 042 222. Relativamente alla disinfezione, durante le operazioni di sanificazione, verrà attuata quella dei cassonetti.

Il cronoprogramma degli interventi da realizzare e già eseguiti sarà comunicato ciclicamente all’assessorato Ambiente ed al Dipartimento Ambiente e Sanità. In merito allo spazzamento, concluso il periodo di emergenza, si avvierà una fase straordinaria di pulitura e scerbatura nei quartieri. La pianificazione servizi verrà infine rivista per evitare, in futuro, che si possa annaspare e annegare in situazioni di criticità.

 

Condividi




Change privacy settings