Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, function 'wp_pre_kses_block_attributes' not found or invalid function name in /web/htdocs/www.messinaoggi.it/home/website/wp-includes/class-wp-hook.php on line 288

Ok al Regolamento comunale Politiche Antimafia in IX Commissione

Data storica quella di oggi che vede approvata all’unanimitĂ  la proposta di Regolamento per l’attuazione di politiche antimafia, misure di contrasto alla corruzione, al gioco d’azzardo, al racket e sostegno alle imprese che denunciano. Ad instradare questo schema di regole sociali verso il Civico Consesso è stata la IX Commissione Consiliare di Palazzo Zanca che, nella seduta odierna, ha convalidato il frutto di un percorso partecipato. I promotori sono il Presidio di Libera a Messina “Nino e Ida Agostino” con la responsabile Tiziana Tracuzzi Caminiti, il Comitato Addiopizzo Messina Onlus con Don Terenzio Pastore, l’Associazione Agende Rosse Messina Gruppo “Graziella Campagna” con Giusy Mattaliano e la Fondazione Antiusura Padre Pino Puglisi con  Padre Nino Caminiti e hanno preventivato una serie di strumenti e di misure pratiche di contrasto alla criminalitĂ  organizzata: clausole antiracket e anticorruzione negli appalti, incentivi e supporto a chi denuncia, adesione al Manifesto dei Sindaci contro il gioco d’azzardo, Osservatorio Comunale Antimafia.

Le organizzazioni esprimono soddisfazione per un passaggio importante che ha visto l’adesione unanime dei rappresentanti delle forze politiche presenti in Commissione. Il dibattito, a cui abbiamo preso parte su invito del Presidente della Commissione Consiliare Gaetano Gennaro, ha visto anche la partecipazione del Sindaco e di numerosi esponenti della Giunta. Tutti i presenti hanno dato un contributo di idee e proposte dimostrando un profondo senso di corresponsabilitĂ  per un provvedimento, che aveva giĂ  ottenuto il parere favorevole dei Consigli Circoscrizionali e che rappresenta un’occasione per tutta la cittĂ .

“Auspichiamo che in tempi brevi il Regolamento possa essere incardinato nei lavori del Consiglio Comunale e quindi definitivamente approvato, cosicché la città possa dotarsi di uno strumento di alto valore simbolico, che per le sue caratteristiche si candida a diventare una buona pratica amministrativa di rilievo nel panorama nazionale”.

Condividi